Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Le Rubriche di Positano News - CulturaNews di Maurizio Vitiello

“Il coraggio delle parole. Scrittori in Primato”, studio curato da Marilena Cavallo e Micol Bruni.

Più informazioni su

Pubblicata la ricerca “Il coraggio delle parole. Scrittori in Primato”, ovvero Gli scrittori e gli artisti nelle pagine della rivista “Primato” diretta da Giuseppe Bottai dal 1940 al 1943, nel Settantesimo della pubblicazione.

Uno studio curato da Marilena Cavallo e Micol Bruni

con contributi scientifici di Pio Rasulo, Pierfranco Bruni, Gerardo Picardo e Silvano Trevisani

con il Patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali

 

Marilena Cavallo:

 

“Il coraggio delle parole. Scrittori in Primato” a cura di Marilena Cavallo e Micol Bruni, pubblicato dall’IRAL con il Patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Direzione Generale per le Biblioteche, gli Istituti Culturali e il Diritto d’Autore, sarà in distribuzione dal mese di marzo. Si tratta di uno studio articolato dedicato alla rivista “Primato”, diretta da Giuseppe Bottai e Giorgio Vecchietti, che vide la luce il 1 marzo 1940  e si pubblicò sino al  luglio del 1943.

Il volume esce in occasione del Settantesimo della pubblicazione del primo numero della rivista e si arricchisce di contributi scientifici di Pio Rasulo, Pierfranco Bruni, Gerardo Picardo e Silvano Trevisani. Il lavoro è  curato da Marilena Cavallo che ha scritto l’Introduzione e da Micol Bruni che ha prefato il testo.

Dal titolo centrale ai contributi degli studiosi che hanno portato la loro esperienza e i loro approfondimenti attraverso delle attenti analisi sui problemi letterari, estetici ed artistici.

Pio Rasulo, docente dell’Università del Salento, si è soffermato su < Le riviste letterarie del Novecento. Gli scrittori si incontrano intorno a “Primato”>; Pierfranco Bruni, scrittore e vice presidente nazionale del Sindacato Libero Scrittori ha sottolineato l’importanza delle ; Gerardo Picardo, saggista e giornalista, ha evidenziato il valore della rivista <“Primato”, dialogo tra culture e scrittori>; Silvano Trevisani, giornalista e critico d’arte, ha evidenziato il significato di <“Primato” e l’arte. Letterati e artisti>.     

Una rivista sulla quale si espressero nomi come Corrado Alvaro,  Cesare Pavese, Alfonso Gatto, Carlo Giulio Argan, Eugenio Montale, Mario Luzi Salvatore Quasimodo, Carlo Bernari, Cesare Zavattini e artisti come Renato Guttuso, Carrà, Severini, De Chirico, Modigliani, Casaroti e molti altri.

Il percorso proposto all’interno del testo curato da Marilena Cavallo e da Micol Bruni segue delle linee che vanno sostanzialmente dagli intellettuali (scrittori, artistici, giornalisti), che aderirono, con i loro scritti, le loro opinioni, le loro posizioni culturali e i lori modelli artistici, alla rivista “Primato”  sino agli intellettuali che successivamente contribuirono alla nascita della rivista “Il Politecnico”, diretta da Elio Vittorini.  

Nell’Introduzione la studiosa Marilena Cavallo sottolinea: .

– sottolinea sempre la Cavallo – è stato sempre acceso ed ha interessato punti nodali sia della letteratura, sia della filosofia, sia delle arti, sia delle politiche internazionali e in particolare di quelle visioni politiche che hanno riguardato le geografie del Mediterraneo>. E così conclude: .

Mentre Micol Bruni, ricercatrice e presidente dell’IRAL, nella Prefazione  così scrive: .

Il testo sarà in distribuzione già dal prossimo mese di marzo e offrirà l’occasione per una serie di incontri e di dibattiti sia sui temi proposti dagli studi che vivono all’interno della ricerca sia sulla problematica generale che riguarda, appunto, la presenza degli scrittori e degli artisti, ovvero il ruolo letterario e artistico, tra le pagine di “Primato” in una visione complessiva inerente alla cultura italiana negli anni del Fascismo dal 1940 al 1943.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.