Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Gruppi contro bimbi down, garante privacy: ´´Media li rendano irriconoscibili´´

Più informazioni su

 

Sul web è già partita la controffensiva di chi chiede la chiusura della pagina

Roma, 22 feb. (Adnkronos/Ign) – E’ stato oscurato il sito choc su Facebook ‘Giochiamo al tiro al bersaglio con bambini down’. Il gruppo è stato oscurato dalla stessa società, dopo che domenica sono arrivate centinaia di segnalazioni alla Polizia Postale e si sono creati altri gruppi spontanei sul social network per chiederne l’immediata chiusura.

Il gruppo, che contava oltre 800 membri, si era collocato nella categoria ‘Salute e benessere’ e mostrava una foto scioccante nel profilo con frasi offensive e denigratorie dei bambini down. Fondatori e amministratori: ‘Il signore della notte’ e ‘Il vendicatore mascherato’. Indirizzo e dati, ovviamente di fantasia, in linea con lo ‘stile’ del gruppo

Nel caso è intervenuta l’Autorità Garante per la privacy che, dopo aver preso atto ”che il gruppo choc su Facebook contro i bambini down è stato doverosamente e tempestivamente oscurato”, ha invitato ”i mezzi di informazione che intendanodocumentare questo grave episodio – agenzie di stampa, giornali, quotidiani online e Tg – ma anche gruppi attivi su Internet, anon rendere in alcun modo riconoscibile il bambino oggetto dello sfregio, avendo l’accortezza di oscurarne o pixelarne adeguatamente il volto”

 

L’immagine, infatti, afferma il garante, ”è stata ripresa da alcune testate, seppur in un contesto di generale riprovazione di quanto accaduto, senza l’adozione di accorgimenti che la rendessero anonima”. La foto, viene rilevato, ”al di là della concreta possibilità di consentire l’identificazione del neonato, è in sé lesiva della dignità della persona”.

Il Garante ha deciso di inviare ai direttori di tutte le testate giornalistiche, sia dei quotidiani che delle tv, una lettera per richiamare al più scrupoloso rispetto dei principi sanciti dal Codice deontologico dei giornalisti e dalla Carta di Treviso, in particolare quando si tratta di dare notizie riguardanti minori e persone affette da problemi di salute.

Per il titolare delle Politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia, ”i responsabili dovranno avere punizioni esemplari: la prima potrebbe essere quella di mettersi al servizio delle famiglie con bambini down, la cui dignità è stata offesa. E’ indecente che in un Paese civile si verifichino episodi di questo tipo. Quel gruppo su Facebook scuote le coscienze di tutti”.

Intanto sul web era già partita la controffensiva. Una community dalla quale hanno già preso le distanze altri utenti: sono oltre 1.600 infatti gli iscritti a ‘Segnaliamo il gruppo ‘Giochiamo al tiro al bersaglio con i bambini down”.

“Queste sono cose purtroppo molto frequenti. Abbiamo parecchie segnalazioni di questo genere, sulle cose più disparate – rispondono all’Adnkronos dalla Polizia postale – anche su Haiti non c’è stata pietà. Ma dobbiamo tenere presente che Facebook è all’estero ed è molto difficile muoversi in tempi rapidi”. Purtroppo, ”in rete – confermano – è molto facile che uno dia sfogo ai bassi istinti perché si sente protetto da una sorta di anonimato. E’ in parte è anche vero. Per l’oscuramento del gruppo ci vuole un provvedimento del magistrato e, dato che i server stanno all’estero, c’è bisogno di una rogatoria. A meno che non intervenga la società”. Come avvenuto oggi

Intanto a insorgere non era stato solo il web. Si tratta di ”un gruppo inaccettabile, non degno di

persone civili, pericoloso – commentava all’Adnkronos il ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna – e soprattutto un reato che, in quanto tale, sarà perseguito”. “L’istigazione a delinquere, ovunque questa avvenga e in qualunque forma, è un reato e, di conseguenza, verrà certamente perseguito dalla magistratura.

  Fonte Google Simona Petaccia                                                                        inserito da Michele Pappacoda

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.