Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Earth – La nostra terra – da venerdì 8 maggio

Più informazioni su

Cinema delle Rose – Piano di Sorrento
                  Tel. 081 878 61 65



 


 


 


da venerdì 8 a martedì 12 maggio (sala 1)


 


 





     EARTH – LA NOSTRA TERRA


 


 



Orario spettacoli:
ore 18.30
Regia: Alastair Fothergill, mark Linfield
Cast (voci): Patrick Stewart, James Earl Jones
 

Genere: Documentario
Durata: 95′



Trama:
Il meraviglioso ciclo della vita sulla Terra visto dalla parte di diverse specie animali, durante il loro percorso di migrazione.


La presenza della vita rende unica la Terra nel nostro Universo, e “Earth” ne celebra imponenza e varietà (mettendo pure in allarme sui danni causati dall’umanità). Con un progetto maestoso, una coproduzione internazionale realizzata dalla BBC come primo film della Disneynature: 40 troupe, in 200 location sparse tra 26 Stati, per 1.000 ore di riprese in alta definizione e qualità. In alcuni casi – per autorizzazioni, difficoltà materiali, nuovi strumenti tecnici – mai realizzate prima, in altri recuperando sequenze della serie documentaria “Planet Earth” del canale BBC HD, di cui utilizza la stessa squadra di talenti (alla regia Alastair Forthergill – che da decenni lavora nella Natural History Unit della società televisiva inglese – e Mark Linfield, alle musiche il 4 volte candidato all’Oscar Gorge Fenton).

Lungo un ciclo completo di stagioni a partire da gennaio, la voce narrante ci porta dall’Artico ai Tropici, dall’oceano al deserto (1/3 della superficie del Pianeta, in espansione) passando per la foresta pluviale, che ospita più della metà delle specie vegetali e animali. Attraverso sterminati panorami (anche satellitari), ammiriamo l’aurora australe, gli spostamenti dei ghiacci (che si sciolgono sempre prima a causa dell’effetto serra) e delle nuvole, la rotazione delle costellazioni e, per il mondo vegetale, la nascita e lo sviluppo (accelerati) di piante, foglie e fiori.
L’opera si focalizza su migrazioni (per acqua, cibo, clima, anche da 3 milioni di esemplari e fino a 3 mila km) di mandrie, stormi, banchi – seguite dai predatori – soffermandosi da vicino sulle sorti di alcune famigliole di orsi, elefanti e balene. Le scene tese delle sfide tra cacciatori e prede, con “slow motion” a volte spettacolari (lo squalo bianco che vola fuori dall’acqua per catturare una foca), sono alternate a momenti più buffi (i passi incerti e gli impacciati movimenti dei cuccioli, le scimmie che guadano una palude, la “danza nuziale” degli uccelli del paradiso), mentre i titoli di coda rivelano simpaticamente le difficoltà dei cameraman su mezzi di ogni tipo e in qualsiasi condizione.


inserito da A. Cinque

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.