Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

comunicare Dio…. in rete

Più informazioni su

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4


/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

Comunicare Dio …in rete

 

Nel corso degli ultimi venti anni
si è passati in modo radicale  dalla
comunicazione vocale alle reti per la comunicazione dati e da questi alle reti
per l’informazione via etere, via cavo e in rete.

E’ nato lo spazio virtuale, la
comunicazione in rete che permette la creazione di pazze virtuali nelle quali
incontrare e avere rapporti con 
interlocutori senza più il vincolo della contiguità spaziale.

E’ una realtà ormai ad un punto
di non ritorno.

Anche la Chiesa è entrata in
questa nuova frontiera comunicativa  già
da 10 anni ;infatti si contano 2.600 siti religiosi non solo istituzionali, ma
anche di associazioni e movimenti dedicati all’informazione , alla stampa,
all’editoria.

Si tratta di una nuova forma di
evangelizzazione, con nuovi linguaggi e nuovi spazi che servono anche ad
informare. Ma ciò che va detto è che la Chiesa con la sua presenza in rete
lancia una sfida al mondo laico ,ricordando che dietro alla macchina c’è una
persona , vera,  che va rispettata.

 Il principale rischio sia per l’operatore che
per l’utente è che non essendoci nella comunicazione in rete l’interazione
collegata alla presenza fisica, si assiste ad una marcata mancanza di senso di
appartenenza , alla dispersione e all’isolamento.

Inoltre la rete è difficilmente
controllabile e anche se si parla di Democrazia della rete, nella realtà ,
spesso si assiste ad una mancanza di rispetto verso la dignità della persona
camuffata per libertà di pensiero e parola. Da qui le conseguenze estreme della
violenza che una rete può generare e che purtroppo ben conosciamo, come la
pornografia e la pedofilia… Internet da mezzo di comunicazione umanizzante, può
diventare così disumanizzante e pericoloso. La Chiesa sa che nell’utilizzare un
sito , esso deve essere visto con gli occhi dell’utente finale . Infatti il
pericolo è che senza una conoscenza critica dei meccanismo della comunicazione
, diventa impossibile discernere il messaggi religioso dalla sottostante
strumentalizzazione che se ne può fare.

Non è difficile rendersi conto
che , una volta diventato preda dei networks,più smaliziati, qualunque evento
religioso cessa di essere tale e diventa una questione essenzialmente
mercantile. 

In una tale società  in un continuo movimento ad alta velocità, in
una continua ricerca di identità , in una infinità pluralità di racconti e di
storie, anche la parola libertà diventa altro. Può essere libertà quindi come
simultaneità e pluralità,cosa bellissima ed arricchente, ma può anche diventare
,come contropartita,una “perdita di valore dell’evento”, per cui ogni evento è
vissuto come un  prodotto di mercato,non
per quello che è ,ma per quanto vale. Il funerale di una principessa
morta in un incidente automobilistico vale di più di una guerra con migliaia di
morti, la visione di un colossal vale più della presentazione di scoperte
determinanti , o  paradossalmente il
racconto dell’estinzione di una specie vegetale o di un animale gode di
un’estensione e di un’attrattiva maggiore,(il cosidetto audience), del racconto
delle sofferenze umane in uno dei tanti posti disseminati sul pianeta. Assistiamo
all’autonomia e all’ alienazione degli eventi , a una  mercificazione della libertà e basta. Siamo
diventati spettatori a pagamento del mondo e non più attori del mondo , neanche
del nostro piccolo mondo . Il rischio è proprio quello di correre avanti sempre
più veloci e con tecniche sempre più perfette, ma in una fuga dove tutti
insieme contemporaneamente  fuggiamo, ma
non più insieme
.Ciò che è lontano si avvicina , ma non viceversa. Abbiamo
fatto tantissimo in questo secolo, abbiamo raggiunto tanti traguardi, ma non
riusciamo più a essere vicini , a vedere il vicino, quello che in latino  è chiamato il proximus,il prossimo. Allora io
credo che in una tale situazione  abbia
molte chances di ritorno un Dio unico, vicino a ogni uomo,  che sia unico per tutti, ma senza nome ,
volto o appartenenza. Vi saluto con uno splendido stralcio di poesia di
D.M.Turoldo :

“ A tutti i cercatori del Tuo volto,mostrati o Signore
, a tutti i pellegrini dell’assoluto vieni incontro o Signore ,con quanti si
mettono in cammino e non sanno dove andare cammina o Signore , affiancati e
cammina con tutti i disperati sulle strade di Emmaus…”

 

Trudy
Borriello

e-mail
:trudy.vitolo@fastwebnet.it

 

Tutti
i contenuti presenti nella sezione e negli articoli sono da considerarsi di
proprietà dell’autrice che se ne riserva tutti i diritti

 

 

 

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.