Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

RIFLESSIONI SUL DECALOGO

Più informazioni su

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

st1\:*{behavior:url(#ieooui) }


/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

 

Vorrei iniziare ribadendo il valore e  la portata dei 10 comandamenti, cavallo di
battaglia  dei  corsi di 
catechismo di intere generazioni:diciamo che  il suo spessore è illimitato e perciò non
completamente afferrabile con la mente.

 Esaminiamo il luogo in
cui si è svolto l’episodio del Sinai: il deserto.

 Esso non appartiene a
nessuno per cui un oggetto trovato in mezzo ad aride pietre è di chiunque si
dia al pena di chinarsi e di raccoglierlo .Nessun riferimento geografico,
nessuna comunità ancora pronta ad accoglierlo . Mosè col  portare dal monte giù in pianura  il decalogo ricevuto direttamente da Dio,in
realtà  si rivolge a tutta l’umanità per cui,
come scrive Albert Cohen , “prima del dono della Torah ,l’uomo era una scimmia
pelosa che ha avuto accesso all’umanità solo dopo la rivelazione delle 10
parole”.

Gli uomini di ogni tempo che studiano e cercano di comprendere
il senso nascosto  di queste 10 sacre
Parole ,svelano il significato della voce di Dio come insegna un testo
rabbinico:”Anche ciò che dirà un discepolo esperto di fronte al suo maestro , è
stato già detto a Mosè sul Sinai”.

Non per niente la parola Mosè, oltre che il significato di salvato
dalle acque, ha anche il senso di tratto fuori: un fuori che ha il sapore
di  una liberazione da gabbie che se
anche dorate ,hanno comunque sempre delle sbarre che bloccano le uscite….

” Non avrai altri Elohim di fronte a me” (letterale
ebraico  panim , che significa viso è
usato sempre al plurale, per cui la frase suona così:Non avrai altri Elohim,altri
dei, sopra i miei volti). Il primo comandamento mira dunque a sradicare
qualsiasi tendenza all’idolatria,consistente nell’elevare la parte di un tutto
alla dignità di totalità, come già accadde ai piedi del monte Sinai , dove il
popolo abbandonato a se stesso in attesa di Mosè ,si costruì un  vitello d’oro confondendolo con Dio …..

Il culto all’idolo in ogni tempo,diviene allora  icona del culto reso a se stessi, perché
permette una facile identificazione nell’idolo che ci  andiamo a costruire . E ci fa sentire potenti…..

Ed  ecco il peccato di
sempre, il peccato di Adamo, il peccato nostro,lo stesso di  ieri  e
di oggi …l’uomo non cambia!

In fondo il solo grande precetto sottinteso ai singoli
comandamenti sta tutto in quella prima  esortazione che fa Dio:“Ascolta Israele (
Shemà Israel) Il Signore Iddio nostro è l’unico Dio. Amerai dunque il Signore
Iddio tuo con tutto il cuore, con tutto il tuo respiro e con tutte le tue
forze” (Dt,6,4). IL verbo amare (ebraico ahab) rientra nella terminologia delle
relazioni di alleanza, una forma che potremmo definire quasi giuridica. E’
un’alleanza che deve essere rispettata , bisogna essere fedeli all’alleato   e anche temerLo  , perchè questo Dio  è infinitamente superiore.

II giudaismo  allora può
essere definito a giusta ragione come una nomocrazia, perchè la legge è stata
l’unica garante dell’eternità di questo popolo per secoli. Ma a noi è stato
insegnato che dobbiamo superare la legge per.. l’amore!

 Comunque anche festa più
significativa del calendario ebraico è la Simhat
Torah
,che
significa proprio gioia della Torah,:a voler sottolineare che la legge non è
solamente quella data a Mosè sul monte Sinai, (in questo caso si tratterebbe solo
di storia antica,) bensì è una   legge vista come la  fonte ininterrotta  di nutrimento spirituale, e quindi sempre viva
e da ravvivare.

 Infatti lo stesso Mosè
aveva fatto distinzione tra le regole religiose che hanno forza di legge e
quelle che entreranno in vigore quando gli ebrei entreranno nel paese di Canaan
(Dt12,10): ecco spiegata la continua necessità di attualizzare una  Parola, che è passato, presente e futuro
nello stesso momento .

In questa linea continua senza il Sinai con il suo Decalogo ,
non c’è vera vita attiva nella fede. Ecco allora che si spiega  la figura di Mosè chiamato il liberatore: il
liberatore di  un popolo , liberato a sua
volta dalla  schiavitù della legge,e
divenuto l’obbediente per amore della legge, ma che non vedrà come Abramo la
terra promessa se non da lontano. Restano entrambi uomini dell’attesa anche se
.Abramo  sarà chiamato l’obbediente per
fede, pronto a sacrificare il suo unico figlio Isacco a  Dio 

E voglio
terminare , in questo  primo lunedì  post-pasquale, in una  maniera un po’ “forte”,con una rielaborazione
della più pregata preghiera, il Padre Nostro, fatta  da un grande teologo, il gesuita Karl Rahner,
in cui  l’autore esprime in tono orante,
tutto il suo monoteismo e la sua fede in un Dio che liberamente ci libera, se
lo vogliamo:

“ Padre Nostro che sei nei
cieli del nostro cuore, anche se esso sembra a volte un inferno.

Sia santificato il Tuo
nome, sia invocato nel silenzio mortale del mio perplesso ammutolire.

Venga il Tuo regno a noi,
quando tutto ci abbandona.

Sia fatta la Tua volontà,
anche se ci uccide, perché essa è la vita e ciò che in terra sembra la fine, in
cielo invece è l’inizio della tua vita.

Dacci oggi il nostro pane
quotidiano. Facci pregare anche per questo, che non ci scambiamo mai con Te,

neppure nell’ora in cui Tu
ci sei vicino, e noi notiamo meno, nella nostra fame,

 di essere povere ed insignificanti creature.

Rimettici i nostri debiti e
nella prova preservaci dalla colpa e dalla tentazione che in fondo è una sola:

di non credere in Te e di
non comprendere il Tuo amore.

Ma liberaci da noi stessi,
liberaci in Te, liberaci nella Tua libertà e nella Tua vita.

Parliamo a Dio così, con
molte meno parole e molto più cuore”.

 

Trudy
Borriello

e-mail
:trudy.vitolo@fastwebnet.it

 

Tutti
i contenuti presenti nella sezione e negli articoli sono da considerarsi di
proprietà dell’autrice che se ne riserva tutti i diritti

 

 

 

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.