Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Gli amici del Bar Margherita – da venerdì 3 aprile

Più informazioni su

 Cinema delle Rose – Piano di Sorrento
                  Tel. 081 878 61 65



 


 


 


da venerdì 3 aprile


 


 



 


GLI AMICI DEL BAR MARGHERITA


 


 



Orario spettacoli:
SALA 2: 18.30
                          SALA 1: 20.30 – 22.30 (escluso sabato 4 aprile) 

Regia: Pupi Avati
Cast:
Diego Abatantuono, Luigi Lo Cascio, Laura Chiatti, Neri Marcoré, Luisa Ranieri, Fabio De Luigi, Katia Ricciarelli, Pierpaolo Zizzi, Claudio Botosso, Gianni Ippoliti, Cesare Cremonini, Gianni Cavina
Genere: Commedia
Durata: 90′


Trama:
Bologna, 1954. Taddeo (Pierpaolo Zizzi), un ragazzo di 18 anni, sogna di diventare un frequentatore del mitico Bar Margherita che si trova proprio sotto i portici davanti a casa sua. Con uno stratagemma, il giovane diventa l’autista personale di Al (Diego Abatantuono), l’uomo più carismatico e più misterioso del quartiere. Attraverso la sua protezione, Taddeo riuscirà ad essere testimone delle avventure di Bep (Neri Marcorè), innamorato della entraîneuse Marcella (Laura Chiatti); delle peripezie di Gian (Fabio De Luigi), aspirante cantante e vittima di uno scherzo atroce; delle follie di Manuelo (Luigi Lo Cascio), ladruncolo e sessuofobo; delle cattiverie di Zanchi (Claudio Botosso), l’inventore delle cravatte con l’elastico; delle stranezze di Sarti (Gianni Ippoliti), vestito giorno e notte nel suo smoking e campione di ballo. Per non parlare del contesto dove Taddeo vive con mamma (Katia Ricciarelli) circuita dal medico di famiglia e il nonno (Gianni Cavina) che perde invece la testa per una prosperosa maestra di pianoforte (Luisa Ranieri). Ma alla fine, Taddeo che tutti chiamavano “Coso” ce la farà ad essere considerato uno del Bar Margherita.

Recensioni:
Accompagnati dalla voce narrante del diciottenne Taddeo (Pierpaolo Zizzi), si parte subito con la veloce presentazione dei protagonisti, frequentatori del bar Margherita che si trova proprio sotto i portici davanti a casa sua e ai quali sogna di aggiungersi: Al (Diego Abatantuono), l’uomo più carismatico e misterioso del quartiere, convinto che l’aspetto più bello del matrimonio sia la fine; Bep (Neri Marcorè), il cui rapporto con Beatrice (Maria Pia Timo) viene turbato dall’incontro con Marcella (Laura Chiatti); Gian (Fabio De Luigi), aspirante cantante; Manuelo (Luigi Lo Cascio), ladruncolo e sessuofobo; Zanchi (Claudio Botosso), inventore delle cravatte con l’elastico; Sarti (Gianni Ippoliti), campione di ballo con smoking sempre indosso.
Tutti immersi nella nostalgica Bologna del 1954, in cui il bacio slinguazzato era quello che andava maggiormente di moda, ma anche dove venivano effettuate le riprese di “Hanno rubato un tram” con Aldo Fabrizi.
La Bologna della giovinezza di Pupi Avati, nella quale il regista de “Il regalo di Natale” inserisce accanto al già nutrito cast anche Katia Ricciarelli (“La seconda notte di nozze”) e l’immancabile Gianni Cavina (“La casa dalle finestre che ridono”), rispettivamente nei panni della mamma e del nonno di Taddeo, oltre alla bella Luisa Ranieri (“Il principe e il pirata”) in quelli di una prosperosa insegnante di pianoforte che fa perdere la testa all’anziano.
Una Bologna che il maestro emiliano, supportato anche dal notevole comparto relativo alle scenografie e ai costumi, ricostruisce efficacemente filtrando il tutto attraverso la sua invidiabile tecnica, mentre tira in ballo un barista che si offende se lo chiamano Water anziché Walter e perfino Gian/De Luigi alle prese con un’audizione per l’ambito Festival di Sanremo, al fine di confezionare quello che agli occhi dello spettatore appare come una sorta di “Amarcord” in salsa “Amici miei”.
Un “Amarcord” privo però della poesia felliniana e che sfiora soltanto il lato antipatico del cinismo di Monicelli, basato su una sceneggiatura che, infarcita di accentuata misoginia, si costituisce in maniera esclusiva di una sequela di situazioni poco coinvolgenti e, soprattutto, difficilmente capaci di spingere lo spettatore a sprofondare in sane risate.
Se poi aggiungiamo che si toccano perfino i livelli della commediaccia trash, sia nella sequenza in cui vengono sfoggiati gli occhiali k per vedere le donne nude che in quella che vede Taddeo organizzatare una festa da ballo con morto in casa, è chiaro che, rispetto ai precedenti “Il nascondiglio” e “Il papà di Giovanna”, si è fatto un bel passo indietro.




inserito da Annalisa Cinque

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.