Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

A PROPOSITO DI….POVERTA´

Più informazioni su

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

st1\:*{behavior:url(#ieooui) }

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

Nel
mistero cristiano esiste quasi come una forma di parentela tra Dio-Gesù e i
poveri.

 Gesù Cristo il Messia con i poveri e per i
poveri assume dei veri  impegni di
salvezza e non solo nei termini di salvezza eterna. Egli annuncia agli uomini
che il Dio rivelato nella vicenda storica, è un Dio di vita per tutti a
cominciare dagli ultimi ,e nel nostro mondo gli ultimi sono i poveri. 

Il
Suo annuncio perciò  inizia da coloro che
contraddicono la realtà stessa, perché non esistono come realtà, sono i
poveri,gli emarginati. Gesù lasciandosi toccare da loro in senso esistenziale ,
si pone in ascolto di chi non ha orecchie per udire,né occhi per vedere,o lingua
per parlare e grazie alla  fede di
costoro, opera in essi la trasformazione dal non essere all’essere .

 Quando Gesù assume la categoria del povero, la
fa per vincerla, come ha vinto la morte con la resurrezione, per cui si pone al
di là di ogni categoria o potere economico e si rivela il Dio della
speranza.  In più ci dà una sorta di  chiave di lettura quando dice che, per
annunciare il Padre ad un uomo non uomo, bisogna che chi è già un uomo aiuti
chi non lo è a diventarlo: ecco come si spiega la Sua opzione per la categoria
della fratellanza.

Certamente la  prima e più grande
antitesi invincibile  per l’uomo è quella
fra la  Vita e la Morte la quale poi
provoca a catena tutta una serie di terribili dicotomie che viviamo purtroppo
quotidianamente nella nostra esistenza reale e la rendono spesso dolorosa e
contraddittoria :la Gioia contro il Dolore, l’Individualismo contro la
Condivisione, il Potere contro l’ Oppressione, 
la Ricchezza contro la
Povertà. E proprio riguardo a quest’ultima voce , la povertà,vorrei
dire a tutti noi del cosiddetto primo mondo,del ricco occidente,che troppo
spesso  assistiamo indifferenti e
inconsapevoli allo spettacolo della fame  del resto del mondo: dovremmo ricordarci della
 parabola del ricco epulone.

In essa appare fortissimo il divario tra l’uomo
talmente sazio di beni materiali da pensare di non avere più il  bisogno di Dio  e da 
perdere se stesso, e il povero talmente povero ,che però  riesce a sperimentare quella che è la vera
situazione prima o poi  di tutti gli
uomini, cioè quella di essere tutti  dei
mendicanti  che tendono la mano verso Dio
, il Solo che può sollevare veramente. Ma per riuscire a  trovare questo Dio misericordioso, il
passaggio obbligato è proprio  l’uomo che
ci viene incontro e tende la mano non solo per chiedere aiuto, ma per comunicarci,
se sappiamo e vogliamo leggere, che nonostante le diversità,c’è un qualcosa in
più che accomuna l’umanità intera, ovverosia il desiderio di riuscire a diventare
un uomo che ,non importa se ricco o povero, possa essere davvero capace e  degno di tale nome.

Perciò vorrei terminare
con un  ammonimento che è scritto da San Gregorio
Magno nella sua “Regola Pastorale” e che 
 dice: “
Bisogna allora offrire consolazione, affinché i poveri apprendano che
possiedono ricchezze che non vedono, e i ricchi sappiano che non possono
conservare le ricchezze che vedono.”( III, 2).

 

Trudy
Borriello

e-mail
:trudy.vitolo@fastwebnet.it

 

Tutti
i contenuti presenti nella sezione e negli articoli sono da considerarsi di
proprietà dell’autrice che se ne riserva tutti i diritti

 

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.