Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Escursione naturalistica sul Vesuvio foto

Più informazioni su


G.E.NGRUPPO ESCURSIONISTI NATURALISTI
ITINERA  TREKKING  NATURA
20
09
 V° edizione



” un Buon camminatore
non lascia tracce “
(Lao Tzu)





insieme

 al 

G.E.T.

GRUPPO ESCURSIONISTICO TREKKING

CULT NATURA

DI ROFRANO

 

domenica 29 marzo


” Il Vesuvio e il M.Somma:
 le Valli del Gigante e dell’Inferno “

,
–  da Ercolano (NA)






” lo Sterminator Vesevo “

Parco nazionale del Vesuvio

  itinerario storico-culturale ed escursione didattico-naturalistica

 

         








Percorso: Piazzale quota 1000m – le “valanghe ardenti” – Valle del Gigante – “Il Teatro” 870m. – Valle dell’Inferno – Cognòli di Levante – lave a corda – e…ritorno.

lunghezza:  5 Km A/R

segnaletica: a cura dell’Ente parco

dislivello:  225m A/R

difficoltà: itinerario di difficoltà medio-bassa (E-). Deviazione per i Cognòli di Ottaviano 1112m solo per escursionisti esperti (E+)

durata: 4 ore A/R

motivi di interesse: geologico, naturalistico, panoramico, paesaggistico

approv. idrico: nessuno


pranzo: a sacco
mezzi di trasporto: auto proprie

direttori di escursione: Luigi Mascolo, Nicola Montuori e Amedeo Cacace

 

Descrizione: L’itinerario, alternativo a quello diretto al cono del Vesuvio (assalito dalle folle dei turisti) permette di meglio apprezzare la bellezza del complesso Somma-Vesuvio che presenta per buona parte la conformazione assunta dopo l’eruzione del 79 D.C..                              

Tocca la parte più integra e selvaggia del Parco nazionale del Vesuvio dove sono presenti ben 4 specie diverse di ginestra, tra le quali spicca quella etnea e dalla presenza (rara in Campania) della betulla.  

Stupende le lave a corda che si incontrano sui Cognòli, come pure le colate laviche più recenti ricoperte dal lichene (Stereocaulon vesuvianum) prima specie colonizzatrice delle aree vulcaniche dopo le eruzioni. Bellissimi i Cognòli del M. Somma (1132m) per la colorazione pruno-violacea che assumono, come pure la vista del cono sommitale del Vesuvio (1281m).

Interessante a metà itinerario, il “Teatro” un caratteristico anfiteatro naturale formato da belle pareti di lava su cui domina “l’occhio del Gigante” formato da un caratteristico arco naturale. Meta del nostro itinerario (E-) sono le belle formazioni di lava a corda con vista sul golfo di Napoli.
Dal teatro (E+) solo per escursionisti esperti una deviazione sale ripida ai Cognòli di Ottaviano e percorre un bel tratto a strapiombo sulla valle del Gigante.

L’itinerario rientra nell’area del Parco naz. del Vesuvio (Legge quadro sulle aree protette del dicembre del ’91, istituito nel giugno del 1995).

Particolare impegno è stato profuso in questi anni dall’Ente Parco sia nel promuovere i prodotti tipici dell’area vesuviana (dalle albicocche, alle ciliege, ai pomodorini, al pane, ai vini Catalanesca e Lacryma Christi etc…) che gli interventi di ingegneria naturalistica.

Nel campo dell’ingegneria naturalistica sono stati realizzati parecchi interventi ed esperimenti adattando le tecniche utilizzate nelle valli alpine e quindi in zone ricche d’acqua, al territorio arido vesuviano. Il parco è diventato un vero e proprio laboratorio di ingegneria naturalistica che ha portato alla ideazione e realizzazione di due nuove tecniche, codificate nelle tipologie costruttive dell’AIPIN (Associazione Italiana per l’Ingegneria Naturalistica): la palificata viva “Vesuvio” e la grata viva “Vesuvio”. Per la realizzazione di questi interventi sono stati utilizzati ex Lsu che hanno così acquisito nuove competenze professionali.

 

Ambiente: di tipo vulcanico con presenza di specie colonizzatrici della flora mediterranea.

 

Fauna:


rettili: cervone, biacco, colubro di Esculapio, orbettino, vipera comune.

mammiferi: circa 30 specie. Tra cui lepre, coniglio selvatico, volpe, faina, donnola, topo quercino, ghiro e moscardino.

uccelli: circa 150 specie (tra migratori e stanziali). Tra cui poiana, gheppio, falco pellegrino, lodolaio, sparviero (rapaci diurni); barbagianni, gufo comune, civetta, allocco, assiolo (rapaci notturni); corvo imperiale, picchio rosso maggiore, gruccione, torcicollo, succiacapre, codirosso spazzacamino, codirossone, sterpazzola etc…
         







Appuntamenti:
– uscita autostradale A3 svincolo di Ercolano ore 9,00 del nuovo orario
                         

                       
 
Dare sempre un cenno di adesione, prenotandovi possibilmente entro il giorno precedente l’escursione!



Luogo degli appuntamenti, ora e itinerari potrebbero subire variazioni anche all’ultimo momento. Contattare:

Luigi Mascolo  cell. 333 5817668  e-mail: associazione-gen@libero.it
Amedeo Cacace  cell. 338 4825306  e-mail: camadeus@libero.it


















Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.