Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

POSITANO, 100 ANNI FA NASCEVA DADO

Più informazioni su

A cento anni dalla nascita una mostra dedicata allo straordinario artista Dado Predieri a Positano, in Costiera Amalfitana. Location il Ristorante-Galleria Il Mediterraneo di Vincenzo Esposito,  dal 30 dicembre al 6 gennaio, che si conferma una fucina di eventi artistici e culturali di rilievo nazionale e internazionale, portando, con la scoperta e riscoperta di parte della storia di Positano, uno sguardo che va verso nuove dimensioni culturali il paese.Per la prima volta i dipinti di Dado Predieri verranno esposti a Positano nella galleria-ristorante Mediterraneo.
Ad annunciarlo sono i figli Marco e Massimo che con questa mostra desiderano ricordare il centenario della nascita del loro padre. Le opere esposte olio su tela saranno circa una trentina. I soggetti dipinti negli anni ‘70 tra Roma e Positano rappresentano paesaggi e nature morte.
Il Critico Alan Frenkiel che lo conosceva di persona scrive: “Vedo ancora – o immagino di aver visto – Dado Predieri davanti al suo cavalletto in una delle ultime e più alte case della Chiesa Nuova a Positano. Sedeva con le spalle alla luce che entrava dalle finestre, un bagliore riflesso dal mare sottostante. Era rivolto verso il fondo cavernoso del suo studio e fissava un cavolfiore che aveva posizionato su un vecchio sgabello di legno di fronte a lui. Per coloro che non hanno la possibilità di trasformare ciò che vedono, il cavolfiore sarebbe stato semplicemente una verdura che, al massimo, somigliava alla massa anatomica che si trova appena sotto la nostra scatola cranica. Ma per Dado era qualcos’altro: come per tutte le persone creative, era un oggetto da trasformare, tramutare, rendere poetico…..
Tutto ciò che vede il vero artista diventa una natura morta che, tramite l’intuizione poetica dell’artista stesso, è trasformata e comincia ad avere una vita propria così diversa da quella che sembra a prima vista. Anche la Natura, il paesaggio, hanno la stessa valenza di una treccia di aglio. Tutto ciò che si vede si riduce al misterioso atto creativo, resuscitando in una entità viva e impalpabile. Diventa la poesia visiva che ci rapisce e ci cattura, avvolgendoci in uno stato di meraviglia.
Questo è ciò che Dado Predieri ha fatto con tutti i suoi dipinti: tutto è ciò che sembra essere, ma l’apparenza comincia a risonare, echeggiando profondamente dentro di noi, trasformando il nostro modo di percepire – e pertanto di vedere.
E posso ancora vedere – o perlomeno mi sembra di vedere – Dado nel suo studio-caverna, come quei misteriosi artisti che, nelle grotte di Lascaux e Altamura, si impegnarono a trasformare la superficie sopra di loro in una vibrante immagine di ciò che sarà in eterno:
la melodia nascosta di una visione poetica.
Alan Frenkiel
Il vernissage della mostra si terrà il 30 dicembre 2008 alle ore 17.00 e rimarrà aperta fino al 6 gennaio 2009.
Ulteriori informazioni: www.casasanmatteo.it/dado/

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.