Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Settimana positiva per le Borse. Scendono i tassi interbancari.

Più informazioni su

Si è conclusa bene una giornata di Borsa estremamente nervosa, ed è positivo anche il bilancio della settimana dopo cinque sedute che hanno messo a dura prova i nervi e le coronarie degli investitori.

L’indice S&P/Mib di Piazza Affari è salito oggi del 4,4%, in linea con l’andamento delle altre principali Borse europee. Dopo un avvio promettente, il rimbalzo aveva gradualmente perso vigore fino a quasi annullarsi nel primo pomeriggio in concomitanza con la pubblicazione di dati negativi sul settore delle costruzioni in America e sul crollo della fiducia dei consumatori (indice Università del Michigan a 57,5 da 70,3 del mese precedente).

A ridare coraggio agli investitori europei è stata la discesa dei tassi sul mercato interbancario: monitorato fino all’esasperazione nel corso di tutta la settimana, il Libor a 3 mesi in dollari è sceso oggi per il quinto giorno consecutivo al 4,42% con un calo di 8 punti base. Nel corso della settimana ha perso 40 punti base. Parallelamente l’Euribor a 3 mesi è sceso al 5,04%. E’ il segnale che il denaro, lentamente, ricomincia a circolare fra le banche, un flusso indispensabile per il funzionamento dell’economia, completamente bloccato la settimana scorsa per il terrore dei fallimenti bancari.

In tutta Europa la giornata è stata caratterizzata dal recupero dei settori più penalizzate nelle due tremende sedute di mercoledì e giovedì, quando la paura della recessione ha provocato crolli verticali dei titoli delle materie prime e dei petroliferi. Oggi lo Stoxx europeo dei titoli minerari è risalito del 7,6%, quello dei petroliferi ha guadagnato il 6,4%. Le quotazioni del greggio, che giovedì sera erano scese sotto i 70 dollari al barile, sono rimbalzate a 71 dollari (+2,5%).

Prodigioso il rimbalzo di Eni (ENI.MI), volata oggi in rialzo del 14%. RoyalDutchShell e Total sono salite entrambe dell’8%. Gli altri petroliferi italiani sono saliti tutti vigorosamente, da Tenaris (TEN.MI) +7,9% a Erg (ERG.MI) +9,2% e Saras (SRS.MI) +5,8%, con l’eccezione di Saipem (SPM.MI) -2,3%, penalizzata dalle indicazioni negative dell’americana Schlumberger, colosso mondiale dei servizi all’industria petrolifera. In ribasso per gli stessi motivi anche MaireTecnimont -3,2%.

In forte ripresa in Europa anche i tecnologici (+6,9%) guidati dal rialzo dell’11% di Nokia e le utility ( +5,7%). A Milano StM (STM.MI) è salita del 4,6%, Terna (TRN.MI) ha fatto un balzo del 9,9% dopo il no all’acquisto a caro prezzo della rete di Enel. Enel (ENEL.MI), dal canto suo, è riuscita a portare a casa un rialzo del 3,9% nonostante il declassamento da parte di alcuni broker (Morgan Stanley, Goldman Sachs, Merrill Lynch).

Con le utility si sono mosse bene anche le tlc, compresa la nostra TelecomItalia (TIT.MI), in rialzo del 5,3%.

Giornata ricca di contrasti per le banche. A Milano gli occhi erano puntati su Unicredit (UCG.MI) che è salita del 7,6% dopo il rafforzamento dei libici nel capitale. Rimbalzo di Intesa (ISP.MI) +5,2%, reduce da due sedute tremende mercoledì e giovedì. In calo MontePaschi (BMPS.MI) -3,3% , Ubi (UBI.MI) -1,7% e Carige -7%.

Fra gli industriali si è messa in evidenza Italcementi (IT.MI) in rialzo del 7,5%

Bilancio della settimana.

Per la Borsa milanese la settimana si chiude con un rimbalzo del 6,5% dell’indice S&P/Mib dopo quattro settimane consecutive di ribasso in cui complessivamente la perdita è stata del 28%. La performance dall’inizio dell’anno è negativa del 44%.

I titoli migliori della settimana sono stati:
Seat +27,8%

Pop Milano+24,5%

Mondadori +19,65

Parmalat +18,1%
Telecom Italia +17,3%
Banco Popolare +16,8%

Eni +15,9%
Enel +12,9%

A questi si aggiungono i migliori del Midex: Italease +31%, Hera +20%, Rcs +19%, Pirelli RE +18% e Campari +17%.

Le perdite più rilevanti sono state:

Finmeccanica -8,2%

Saipem-6,4%

StM-5,4%

cui si aggiungono nel Midex Ifil -11,8%, Maire Tecnimont -7,5% e Carige -7,4%.


 


Francesco Fusco


Promotore Finanziario


Fonte websim

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.