Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Mamma Mia! – da lunedì 6 ottobre

Più informazioni su

 


Cinema Armida – Sorrento
Tel. 081 878 14 70



                


              da lunedì 6 ottobre


                        



          MAMMA MIA!


 





Orari:
18.00 – 20.15 – 22.30
Costo biglietto: 6.00 euro 
Regia: Phyllida Lloyd
Cast: Meryl Streep, Pierce Brosnan, Colin Firth, Stellan Skarsgård, Julie Walters, Dominic Cooper, Amanda Seyfried, Christine Baranski, Philip Michael Thomas, Nancy Baldwin, Heather Emmanuel, Colin Davis, Rachel McDowall, Ashley Lilley, Ricardo Montez, Mia Soteriou, Enzo Squillino Jr, Chris Jarvis, Hemi Yeroham, George Georgiou, Maria Lopiano, Juan Pablo Di Pace, Norma Atallah, Myra McFadyen, Niall Buggy, Leonie Hill, Jane Foufas.
Genere: Commedia
Durata: 108′


Trama:
Grecia, 1999. La giovane Sophie ha un sogno: conoscere suo padre e farsi condurre all’altare nell’incantevole isola di Kalokairi. Alla vigilia delle sue nozze con Sky ha scoperto il diario segreto e i segreti del cuore della madre, una figlia dei fiori che praticava il sesso e l’amore ieri, una donna indipendente e piena di vita che gestisce un piccolo hotel sul mare di Afrodite oggi. All’insaputa di Donna, Sophie invita a nozze i suoi potenziali padri: un uomo d’affari, un avventuriero e un banchiere impacciato. Scoperta molto presto la loro presenza sull’isola, Donna li invita “amabilmente” a rimettersi in mare ma niente andrà come previsto. Gli dei in cielo hanno lanciato i dadi e versato amore, tanto amore, nei calici.
A ragione Mamma mia! è ambientato nel Mediterraneo perché l’acqua, nel musical di Phillida Lloyd, è il filtro deformante che veicola gli sguardi dei protagonisti e spuma l’amore fino ai cuori. Non si tratta affatto di un espediente, l’amore impone sempre una nuova nascita, un ritorno nel liquido amniotico che ottunde tutto ciò che è esterno, estraneo, nemico. In quella soglia incantata la Donna di Meryl Streep vorrebbe trattenere il più a lungo possibile la sua Sophie, che al contrario scalpita per salpare e attraversarla. Al di là c’è l’ignoto e il nuovo, c’è un padre e un mondo da scoprire, c’è un’attesa sospesa da corrispondere prima che gli dei facciano i capricci. Mamma mia! è la storia di un’isola “assediata” dai padri e difesa dalle madri, un impasto di sale e sentimenti che trova sullo schermo una dimensione spettacolare, sostenuta da un ritmo incalzante e impreziosita dalle “teatrali” canzoni degli Abba. La straordinaria partitura e i testi dell’irriducibile gruppo svedese interpretano i movimenti ariosi delle coreografie in esterni, raggiungendo una resa d’atmosfera sorprendentemente comunicativa mentre “cantano” il lamento d’amore di “The Winner Takes It All” o la carica liberatoria di “Dancing Queen”. La perizia della regia, la dimensione dello sforzo produttivo e l’apporto di un’infinità di esperti assicurerebbero soltanto la buona qualità della confezione se a vivificare il tutto e a imprimere al film quel quid di magia, che lo illumina più del sole della Grecia, non ci fossero gli stupori, la recitazione incantata e la “faccia da musical” di un cast appropriato, equilibrato ed efficace.
Al di là dell’arcobaleno “viaggiano” la dancing Queen di Meryl Streep, che percorre in lungo e in largo la scena tuffandosi in un bagno di musica e di eccentricità coreografica, i padri inconsapevoli e incoscienti di Colin Firth, Stellan Skarsgård e Pierce Brosnan, che pur non avendo confidenza alcuna col genere riescono a trasformare i loro impacci in irresistibili connotazioni psicologiche, e la figlia adorabile di Amanda Seyfried, che coglie col suo volto l’ode alla felicità e il sogno irraggiungibile.
È la natura e la brezza del Mare Nostro a inventare invece l'”artificio” scenografico, salvaguardando la dimensione da favola e la dinamica visiva delle schermaglie sentimentali (“SOS”), degli animosi battibecchi, degli shakespeariani equivoci (“Gimme! Gimme! Gimme!”) e delle sonore agnizioni (“Voulez – Vous”).
Calato in un tempo precisato, che come i protagonisti deve compiere un passaggio (è il 1999), il musical corale della Lloyd privilegia il ritmo esuberante e trascinante piuttosto che l’arabesco elegante, innescando coi numeri musicali uno scatto di autentica e orecchiabile vitalità. Se il musical è favola, di tutte le favole Mamma mia! è forse la più bella. 
 


inserito da Annalisa Cinque

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.