Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

La prima volta dell´India sulla Luna.

Più informazioni su

SPAZIO: LA PRIMA VOLTA DELL’INDIA SULLA LUNA, PARTITO “CHANDRAYAAN-1”


 


La prima navicella spaziale indiana e’ partita oggi, diretta sulla Luna: un momento storico per New Delhi. “Tutta la Nazione e’ orgogliosa della nostra comunita’ scientifica”, ha affermato il primo ministro Manmohan Singh commentando l’evento. La popolazione ha atteso davanti ai televisori il conto alla rovescia prima del lancio, trasmesso in diretta dal centro di Sriharikota, nello Stato sud-orientale dell’Andhra Pradesh. Erano le 6,22 del mattino ora locale, le 2,52 in Italia. Anche l’Europa, con la sua Agenzia Spaziale, si e’ congratulata con il Paese asiatico, auspicando una collaborazione nel campo della scoperta dello spazio. La sonda ‘Chandrayaan-1′ entrera’ in orbita dopo sedici ore di volo grazie a un razzo vettore fabbricato anch’esso in India, il ‘Polar Satellite Launch Vehicle’. La navicella arrivera’ poi da sola sul satellite della Terra dopo cinque giorni circa di navigazione. “Andiamo per la prima volta sulla Luna”, aveva dichiarato alla vigilia Bhaskar Narayan, portavoce dell’Irso, l’ente per la ricerca spaziale indiano. “La Cina ci e’ gia’ andata, e anche il Giappone ci aveva messo piede un mese prima, nel settembre 2007. Trascorso un anno, Pechino e’ diventata ora la terza potenza dopo la Russia e gli Usa in grado di inviare uomini nello spazio”. Il passo successivo alla spedizione di ‘Chandrayaan-1′, aveva chiarito Narayan, sara’ dunque quello di inviare nel cosmo propri astronauti, nel 2014, per lanciare quindi la prima missione ‘umana’ nel 2020. Obiettivo di ‘Chandrayaan-1′ sara’ invece la ricerca sulla Luna dell’elio-3, un isotopo molto raro sulla Terra che si utilizza nella fusione nucleare, e che potrebbe in futuro costituire un’importante fonte di energia. Il satellite ne ha in abbondanza, ma bisogna ancora trovare il modo per poterlo sfruttare. La missione, che per quattro anni ha mobilitato in India migliaia di scienziati, e’ costata circa 79 milioni di dollari: molto meno dei 187 richiesti dalla sonda cinese e dei 480 milioni di quella giapponese. (AGI) – Sriharikota (India), 22 ottobre


Inserito da G. M.


 


 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.