Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Sfida senza regole – dal 3 all´8 ottobre

Più informazioni su

Cinema delle Rose – Piano di Sorrento
             Tel. 081 878 61 65

 


 


da venerdì 3 a mercoledì 8 ottobre – sala 2


 


 



          SFIDA SENZA REGOLE



 


 


Orario spettacoli: 18.30 – 20.30 – 22.30
Costo biglietto: 6.00 euro
Regia: Jon Avnet
Cast: A
l Pacino, Robert De Niro, John Leguizamo, Donnie Wahlberg, 50 Cent, Frank John Hughes, Carla Gugino, Shirly Brener, Katie Chonacas, Brian Dennehy, Rob Dyrdek
Genere: Azione, Drammatico
Durata: 100′


Trama:
Dopo trent’anni di lavoro di squadra al Dipartimento di polizia di New York, i pluridecorati detective Turk (Robert De Niro) e Rooster (Al Pacino) non vogliono arrendersi alla pensione. In città, sono stati assassinati dei presunti criminali. La polizia è certa che si tratti di un serial killer, perché lascia poesie sui cadaveri a motivazione del suo gesto. Karen Corelli (Carla Gugino), agente della squadra CSI, comincia a chiedersi il perché delle poesie lasciate sul cadavere delle vittime. I detective Perez (John Leguizamo) e Riley (Donnie Wahlberg), irrispettosi e non curanti delle gerarchie, sperano di risolvere il caso prima dei veterani Turk e Rooster. Il tenente Hingis (Brian Dennehy), loro capo, è ansioso di chiudere il caso perché gli indizi portano a uno dei suoi uomini. Prima del ritrovamento del protettore di prostitute Rambo (Rob Dyrdek), Turk e Rooster stavano cercando di incastrare il proprietario di un nightclub, Spider (Curtis ’50 CENT’ Jackson) con l’aiuto di Jessica (Trilby Glover), un avvocato di Manhattan con problemi di tossicodipendenza. Al dipartimento di polizia inizia a delinearsi un quadro. Come fermare il killer e impedirgli di fare giustizia da sé?


Sono trascorsi ben tredici anni da quando Michael Mann portò i due maestri Robert De Niro e Al Pacino a scontrarsi sul grande schermo in “Heat – La sfida”. Oggi è Jon Avnet, il famoso regista di “Pomodori verdi fritti” a dirigerli insieme per la terza volta in ordine cronologico: la prima infatti spetta al grande Francis Ford Coppola nel 1974 con il “Padrino, Parte II”.
Almeno nelle intenzioni il film di Avnet accontenta tutti: Robert De Niro e Al Pacino si ritrovano fianco a fianco, nei panni rispettivamente dei pluridecorati detective Turk e detective Rooster, per indagare sulla morte di alcuni criminali. Tra i decessi nessun collegamento a parte una breve poesia in rima lasciata sul luogo del delitto…
Alla domanda come mai ci hanno impiegato tredici anni per tornare a recitare insieme sul grande schermo, la risposta laconica del grande Al Pacino lascia un poco perplessi: “…Non avevamo trovato buoni soggetti…” Lascia perplessi in quanto la stessa cosa, purtroppo, si può dire del film diretto con piglio metropolitano da Jon Avnet. La storia fatica a decollare e in alcuni punti, soprattutto nella parte centrale, si ha la sensazione di girare a vuoto per il flusso narrativo alla ricerca del vero cuore della trama. Questo si raggiunge, ma alla fine e con un colpo di scena parecchio prevedibile. Insomma una specie di occasione persa, almeno dal punto di vista del soggetto ad opera di Russell Gewirtz, lo stesso del buon trhiller “Inside Man”.
Dal punto di vista registico, inoltre, è praticamente impossibile non fare un confronto con il film di Mann del 1995, e anche sotto questo aspetto il film di Avnet esce sconfitto. Mann aveva dato un tono e un’atmosfera decisamente più adulte a tutto il progetto; e anche le uniche due scene in cui i due divi comparivano faccia a faccia risultano, a conti fatti, più incisive rispetto a tutto “Sfida senza regole”.
In buona sostanza è solo la presenza dei due colossi del cinema a salvare, anche se in corner, la pellicola di Avnet. De Niro domina per tutto il film, adombrando la scena a Pacino, che risponde, esplodendo, nelle battute finali. Uno scontro recitativo che finisce, ancora una volta, in parità.
“Sfida senza regole” è insomma un thriller abbastanza scontato la cui visione sul grande schermo viene legittimata solo dalla presenza dei due mostri sacri. Senza i quali la pellicola di Avnet sarebbe stata relegata unicamente all’home video.


 


inserito da Annalisa Cinque

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.