Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

ROCCARAINOLA: Speleologi di Summonte (AV) impegnati nella pulizia dell´acquedotto foto

Più informazioni su

Il Gruppo Speleologico Natura Esplora di Summonte e il Circolo Culturale B. G. Duns Scoto di Roccarainola hanno aderito all’evento “Puliamo il Buio”, manifestazione nazionale della Società Speleologica Italiana di pulizia delle cavità che ha come partner Legambiente, e si inserisce nell’ambito della campagna “Puliamo il Mondo”. L’iniziativa operata nel mondo sotterraneo giunge alla sua terza edizione e per l’anno 2008 è patrocinata anche dalla Commissione Italiana per l’Anno internazionale delPianeta Terra. L’evento assume un significato simbolico particolare, anche alla luce delle problematicheambientali esistenti e ricordate dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, durante la Festa di Primavera del 30 maggio scorso, dedicata proprio all’Anno Internazionale del Pianeta Terra. “Puliamo il Buio” edizione 2008 mira a diventare un momento di visibilità della speleologia, italiana ingenerale e campana in particolare, e a far emergere le problematiche relative alla tutela delle cavità ed inparticolare alle falde acquifere, questioni care al popolo del mondo sotterraneo. Protezione e salvaguardia non intese unicamente come una convenzione dialettica, ma come insieme di azioni operose ed efficaci deglispeleologi italiani. Durante le ricerche effettuate per il progetto nazionale della Carta Antichi Acquedotti, coordinato dallaCommissione Cavità Artificiali della Società Speleologica Italiana, il Gruppo Speleologico Natura Esplora ha esplorato e rilevato il Qanat di Roccarainola, opera già nota in letteratura, sebbene non era ancora stata oggetto di un’attenta esplorazione e di un dettagliato rilievo topografico . E’ stato pertanto riportato alla luce questo sistema di gallerie che presenta un solo ingresso e ha uno sviluppo di oltre 770 m. Il principio di alimentazione è quello delle gallerie drenanti o filtranti e circa 20 pozzi verticali collegano lagalleria principale con l’esterno. Negli scritti d’epoca il Qanat di Roccarainola è citato come esempio di acquedotto romano del Meridione (Masoni, 1924), e se ne fa coincidere l’epoca di realizzazione con il vicino castello medioevale, che sicuramente alimentava (D’Avanzo, 1943). Ciononostante oggi si trova in uno stato d’abbandono totale ed al suo interno sono presenti rifiuti d’ogni genere che in alcuni caso ostruiscono il normale deflusso idrico. La manifestazione Puliamo il Buio 2008 si propone di cominciare a ripulire il Qanat, importante bene storico e culturale per la Campania, e di sensibilizzare e coinvolgere le nuove generazioni sull’importanza dellasalvaguardia e la tutela dei beni storici ed ambientali. Nella mattina di sabato, pertanto, ci sarà un incontro con le scolaresche presso l’Istituto comprensivo “Morelli e Silvati” di Roccarainola. Le attività si svolgeranno nei giorni 27 e 28 settembre secondo un programma prefissato. Durante la manifestazione il Gruppo Speleologico Natura Esplora e il Circolo Culturale B. G. Duns Scoto avranno il supporto anche del Comune di Roccarainola, del Gruppo Archeologico Avellano e della Pro-Loco di Roccarainola.


http://it.youtube.com/watch?v=Avy2EmC7j0E

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.