Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

IL COLESTEROLO

Più informazioni su

Contrariamente a ciò che si pensa il colesterolo è un grasso essenziale alla salute, viene in parte prodotto da alcuni organi (principalmente dal fegato ed in misura minore dalle ghiandole surrenali) e in parte assunto con l’alimentazione.
Questo grasso entra a far parte di vari tessuti del corpo tra cui il fegato, i reni, il sistema nervoso e il cervello, che ne contiene circa il 2%. E’ presente anche nei globuli rossi e nel siero del sangue, sia allo stato naturale che combinato ad altri grassi. Agisce come lubrificante per le arterie, è un componente essenziale delle membrane cellulari (di cui regola la fluidità e la permeabilità ) ed è il precursore degli acidi biliari, del cortisone, degli ormoni sessuali maschili e femminili e di altre sostanze.
Poiché nei casi di arteriosclerosi, si è riscontrato che i calcoli e i depositi trovati sulle pareti delle arterie contengono colesterolo, si è pensato che essi siano stati causati da un’alimentazione ricca di questo grasso. Questa teoria è vera solo parzialmente, in quanto non è il colesterolo che rappresenta un pericolo, bensì il suo eccesso dovuto ad una dieta errata dove compare un uso eccessivo di grassi animali, generatori, appunto, di colesterolo.
Per comprendere come il tasso di colesterolo nel sangue possa superare il giusto livello dobbiamo comprendere come avviene il suo trasporto nell’organismo. Questo grasso, per poter essere trasportato nei punti dove è necessario, deve prima legarsi a particolari sostanze chiamate lipoproteine che, tramite il flusso sanguigno, provvedono al suo trasferimento. Le lipoproteine si differenziano a seconda del proprio peso specifico e densità in:
– LDL (bassa densità ).
Provvedono al trasporto del colesterolo dal fegato ai tessuti. Quando arrivano a destinazione vengono inglobate dalle cellule che ne hanno fatto richiesta insieme al loro carico di colesterolo. Se le LDL diventano troppo numerose creano degli aggregati che tendono ad accumularsi sulle pareti delle arterie (placche arteriosclerotiche), che le privano della necessaria elasticità arrivando persino ad ostruirle completamente.
Se ciò accade nelle coronarie, vi può essere un alto rischio di infarto, se è localizzato in una arteria che porta sangue al cervello può generarsi un ictus cerebrale, quando, invece, interessa il circolo arterioso periferico vi è la possibilità di una trombosi.
– HDL (alta densità ).
Sono delle cellule che hanno il compito di raccogliere il colesterolo in eccesso e riportarlo al fegato (o in altri organi) dove potrà essere gestito nel modo più opportuno. In questo modo provvedono ad una continua pulizia dei vasi sanguigni.
Da quanto esposto si potrà comprendere perché le HDL sono anche chiamate “colesterolo buono”. In genere questo colesterolo non dovrebbe mai essere inferiore del 30% del colesterolo totale. Numerose ricerche hanno dimostrato che problemi quali: litiasi biliare, diabete, obesità e ipercolesterolemia, sono assai più frequenti presso le popolazioni che utilizzano molti grassi animali.

Pertanto il colesterolo, indispensabile alla vita, diventa assai pericoloso se prodotto in quantità esagerata, in questo caso rappresenta un nemico, ed responsabile di gravi e numerose problematiche, oltre a quelle che abbiamo già esaminato. Può infatti depositarsi nell’organismo sotto forma di calcoli alle vie biliari o depositi sulle pareti arteriose, oppure causare arteriosclerosi e ipertensione, o anche disturbare gli occhi provocando cataratte ed alcune forme di retinite. Va anche notato come alcune malattie della pelle, come l’acne e l’eczema, comportino un notevole aumento del colesterolo cutaneo.
COME ELIMINARE IL COLESTEROLO IN ECCESSO
Per eliminare il colesterolo in eccesso bisogna innanzitutto cessare di assumerlo con gli alimenti, la dieta risulta perciò di basilare importanza. Pertanto è necessario:


Eliminare i grassi saturi (tutte le sostanze grasse provenienti dagli animali: insaccati, burro, panna, formaggio, mascarpone e le esecrabili margarine). Le uova dovranno essere usate solo alla coque e non fritte.


Eliminare l’aceto, perché riveste un ruolo molto importante nella sintesi del colesterolo.


Ridurre o meglio eliminare i cibi che ostacolano il corretto funzionamento del fegato, ovvero: carni rosse (anche se magre), selvaggina, fritture, maionese, frutta secca oleaginosa (mandorle, noci, ecc.), gelati e super alcolici in tutte le loro forme.


– Non bere bevande ghiacciate.


Assumere un cucchiaio al giorno di olio di girasole, spremuto a freddo (tenerlo in frigorifero).


Assumere un cucchiaio di lecitina di soia al giorno.


Seguendo questo programma una parte di colesterolo verrà trasformata in sali biliari, questo è il modo normale di eliminazione quando il fegato funziona bene. Una piccola frazione verrà eliminata con le feci, dopo che i batteri intestinali lo avranno trasformato in coprosterolo. Qualche milligrammo al giorno verrà espulso con l’urina e il resto verrà eliminato mediante il sudore.
Una volta eliminato il colesterolo in eccesso si potrà tornare ad un regime alimentare meno morigerato rispetto a quello proposto, tenendo comunque presente che gli eccessi alimentari prima o poi si pagano!!


Tutte le metodologie, le tecniche, i rimedi suggeriti e quant’altro proposto sono ad esclusivo scopo informativo e non sostituiscono il medico. Per informazioni  viveremeglio@alice.it o al 3343541797, risponde Enrico Romeo Coppola

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.