Salerno entra nel progetto Writing: la comunicazione urbana affidata ai graffiti

Più informazioni su

Si terrà Mercoledì 30 Luglio 2008, presso il Salone Bottiglieri della Provincia di Salerno alle ore 10:30 la Conferenza Stampa di presentazione “INWARD – OSSERVATORIO SULLA CULTURA DEL WRITING”, la Provincia di Salerno è la prima amministrazione pubblica italiana che entra attivamente nel progetto, fortemente voluta dall’assessore al Lavoro e Politiche Giovanili Massimo Cariello, consentirà un primo e inedito sguardo su una realtà meno indagate del WRITING nazionale.

Il progetto nasce grazie al gruppo Evoluzioni / Arteteca Network.

“INWARD” l’osservatorio internazionale sulla cultura del writing, è un progetto che ha l’obiettivo ambizioso di strutturare un network globale per lo studio e la promozione del writing, con università, gruppi, writers, editori e altri soggetti interessati. La  direzione scientifica è della Presidenza della Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi “La Sapienza”; le pellicole per i treni dipinte dai writers, che fanno discutere le forze puriste e gli sperimentatori evolutivi del movimento. Tutto questo si sposta poi in Italia e nel mondo col sostegno di Evoluzioni.

Ma che cos’è il writing? Luca Borriello,  ricercatore di antropologia e comunicazione, presidente di Arteteca associazione culturale composta da più gruppi operativi tra cui Evoluzioni, spiega:

Il writing è esploso tra la fine degli anni Sessanta ed i primi anni Settanta negli Stati Uniti, nell’underground dei cinque distretti di New York e nei quartieri neri afroamericani. E’ una poetica scenografica urbana e illegale che tutti riconoscono impropriamente nel vocabolo “graffiti”. Si tratta di una pittura e scrittura di pseudonimi in cui s’ammira la potenza estetica, pittorica, comunicativa, identitaria dei caratteri alfabetici e della scrittura del proprio pseudonimo strategicamente diffuso. Il writing è indelebile traccia di comunicazione in-urbana, endogena del mutevole palcoscenico delle metropoli postmoderne”. “Negli ultimi anni, – continua Borriello – “dal linguaggio espressivo di frontiera, il writing si è imposto quale nuova e attuale forma di comunicazione nonostante l’assenza di una struttura prestabilita, tempi di creazione ignoti e tempi di fruizione ingestibili da terzi, la produzione e consumo non rilevabili, l’impossibilità di mercificazione diretta, la tutela non contemplata, la commissione propria, la forma ideale pari ad un’anarchia della creazione artistica o arte illegale”.

Evoluzioni è uno dei cinque gruppi dell’Associazione culturale Artèteca. Fondato e diretto da Luca Borriello e Salvatore POPE Velotti. Produttore di offerte didattiche e di un osservatorio internazionale sulle poetiche metropolitane, Evoluzioni realizza pubblicazioni, eventi, esposizioni d’arte e audiovisivi. Dialoga sui temi del Writing e collabora con docenti, sociologi, antropologi, architetti, urbanisti, designer, critici d’arte, artisti, editori, fotografi e comunicatori. Evoluzioni ha promosso e diretto “Circumwriting”, “M.A.C. Maniere A Confronto”, “Quarantotto Segnalibri”, “167xScampia”, “W3” e INWARD.

Hanno dipinto per Evoluzioni più di 150 writers non solo italiani. Spazi messi a disposizione dei writers, riconoscendone il valore artistico e sociale e coinvolgimento dei cittadini alla scoperta dei Writers, delle forme proprie di espressione artistica.  

Lo start – up del progetto salernitano conta già 24 murate georeferenziate per i dispositivi di navigazione satellitare, 15 storie dei writing locali per la prima autobiografia del writing su piattaforma wiki e numerose foto di opere del passato più o meno recenti. La Provincia di Salerno offre cosi l’opportunità ad una classe di giovani creativi del territorio di avere una finestra di visibilità internazionale e a studiosi,esperti, artisti o semplici curiosi un cumulo di conoscenze dirette prive di mediazione.

 

Più informazioni su

Commenti

Translate »