Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Positano sabato Quartieri Aperti alla scoperta della Chiesa Nuova

Più informazioni su

POSITANO QUARTIERI APERTI ‘07
Alla scoperta dei quartieri di Positano…………………

SABATO 13 Ottobre – La “Chiesa Nuova” incontra la provincia di Benevento –

Sabato 13 ottobre la manifestazione Quartieri Aperti, unica in Costiera Amalfitana nel suo genere che si sviluppa nell’arco di piu mesi,  fa tappa alla Chiesa Nuova. La “città arroccata”, sarà lo scenario di eventi e rappresentazioni sceniche, con il gemellaggio con la Provincia di Benevento, con produttori, artigiani e spettacoli tipici, nell’ambito del progetto, voluto dal Comune di Positano, e organizzato dall’associazione Positano Arte, di Costiera dei Fiori finanziato dall’assessorato regionale all’Agricoltura. La Chiesa Nuova è ricca di storie e di curiosità legata a antiche tradizioni, da Via dei Coralli a Via Mangialupini, che ricorda la Rivoluzione dei Lupini, quando i positanesi si ribellarono alle tasse che li opprimevano mangiando solo lupini per mesi. Assolutamente da non perdere Clementina Apuzzo, per tutti Clementina, che si è dimostrata una protagonista indiscussa dei Quartieri Aperti con la sua verve teatrale, interpreterà le storie e il ruolo delle donne in quelle contrade, ma soprattutto ci sarà un ricordo a un personaggio unico ancora forte nella memoria del paese, Turillo e Rusenella, al secolo Salvatore Apuzzo, artista naif, legato al fratello Federico, entrambi hanno appreso da Caprile i rudimenti dell’arte pittorica, scomparso quest’anno, e la moglie Rosa, una coppia modello che sopportava tutto della vita, compresa la tendenza di Turillo a dipingere dovunque anche se nella casa non c’era spazio, che accettava con gioia ogni momento dell’esistenza. La scena si terrà proprio nei pressi della casa portando ad un allungamento del percorso di quartieri aperti. Ancora oggi gli anziani ricordano Turillo che portava “il bambinello” in tutto il paese dopo Natale. La manifestazione, che prevede degustazioni e percorsi guidati ad ingresso gratuito, prevederà alle 18 il Quartiere dei bambini della Selva, che sta entusiasmando tutti i piccoli positanesi, e un concerto dell’associazione Posimuse con una presenza ormai affermata di alto livello musicale, in serata ai balli del Beneventano si associeranno quelli coinvolgenti del gruppo “I Tammorre” di Positano. Questo evento ci aiuterà a conoscere e a comprendere l’ambiente in cui vivono gli abitanti di Positano , dei paesi delle province, della nostra regione, i loro modi di vivere, il lavorare degli adulti, la storia , le tradizioni.




Programma:

Ore 18.00 Il Quartiere dei bambini
animazione, giochi e spettacoli per i più piccoli a cura dell’Ass. La Selva.
Apertura degli stand di degustazione e vendita dei prodotti di eccellenza della Provincia di Benevento

Ore 19.00 Concerto nella Chiesa S. Maria delle Grazie a cura dell’Ass. Posimuse.
Percorso guidato attraverso i vicoli caratteristici del quartiere con spettacoli, musica, danze e rievocazioni storiche a cura dell’Ass. PositanoArte, “Storia, Immagini e Leggende della Chiesa Nuova” tratto da “ La Città Verticale” a cura del Prof. Romolo Ercolino, e degustazioni dei piatti della tradizione offerti dal Quartiere della Chiesa Nuova.

Ore 21.00 Balli e canti tradizionali a cura del gruppo di musica popolare della Provincia di Benevento.

Ore 22.00 Balli e canti della tradizione a cura del gruppo “I Tammore” di Positano

Programma a cura dell’Associazione Culturale PositanoArte





Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.