Positano di Raffaella D´Angelo Buffa venerdì al Mediterraneo

Più informazioni su

Venerdì al Mediterraneo, il locale galleria d’arte di Vincenzo Esposito, a Fornillo, alle 18  si presenterà “Positano” di Raffaella D’Angelo Buffa venerdì al Mediterraneo Frammenti della memoria, come dice l’artista nel suo sottotitolo ad un libro dedicato a Positano che ci ha colpito in modo particolare per le immagini, in gran parte inedite, sia fotografiche che in parole. Raffaella D’Angelo Buffa descrive i ricordi con vere e proprie pennellate d’artista. Ricordi di una vita vissuta a Positano dove aveva la nonna una casa (Cara mia dolce Positano, questa è una lettera d’amore, un canto per te; ma tu non mi conosci più. Eppure c’è stato un tempo in cui mi appartenevi nel dritto e nei sentimenti..), cirri del cuore, della memoria, indelebilmente impressi con la forza di ciò che si é vissuto nell’infanzia e nella giovinezza, ed ora definitivamente perduto, appunto pennellate della memoria, tra poesia e racconto. Raffaella D’Angelo Buffa, in quest’intensa opera, ci conduce per mano con levità nel suo mondo, nella nostra Positano, mettendone aspetti straordinari e poco noti e rivelandoci l’autore di frasi celebri come quella di  “Positano, l’unico villaggio verticale esistente al mondo” che fu di Sergej Diaghilev e regalandoci vere e proprie chicche introducendo con gusto il suo libro con una splendida poesia di Alfonso Gatto su Positano “La meraviglia d’essere nel saldo d’un costrutto felice, il corpo caldo nella pietra che verzica di sole. Vi restano più a lungo le parole non dette ed è, all’occorrere, la svolta d’un paese che c’è come una volta. Un sogno dire queste cose vere.” E Raffaella D’Angelo Buffa con queste sue pagine ci fa rivivere quel sogno

 

Più informazioni su

Commenti

Translate »