Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Vico Equense è qui l´etno Festival

Più informazioni su

UMBERTO CELENTANO Vico Equense. Tre giorni di spettacoli musicali a partire da domani pomeriggio, con James Senese, Giovanni Mauriello, Marcello Colasurdo e la sua paranza, Peppe Barra, tutto all’insegna del folk del Mediterraneo, di show di burrattini e guarattelle, di esibizioni circensi con acrobati e giocolieri, di giochi di luci che illumineranno i suggestivi angoli della pineta Giusso, ed, infine, piatti inediti come «l’Insalata del Conte», che saranno serviti nell’area attrezzata dove ha luogo la «festa della Castagna». Tutto questo è il Faito Etnofestival, manifestazione inserita nell’ambito dei «Grandi Eventi» dell’assessorato regionale al turismo, e organizzata dall’Azienda Turismo con la collaborazione del Comune di Vico Equense e degli operatori turisti locali. Il programma della rassegna che intende rilanciare l’immagine del Monte Faito a pochi mesi dell’acquisto del «gigante verde» della costiera da parte della Regione e della Provincia di Napoli, si basa sull’idea di proporre al pubblico il tema dei «conflitti e sogni tra le sponde del Mediterraneo». Un’analisi storica, culturale, antropologica, portata avanti mediante l’esposizione di strumenti di musica popolare, proiezioni, video, e lo show anche di artisti nord africani come Marzouk Mejri. L’area dei concerti è stata realizzata nel piazzale della pineta dove sono ancora visibili i ruderi dello chalet edificato ad inizio novecento del conte Girolamo Giusso e andato distrutto nel 1921 a causa di un incendio. Si arriverà sulla sommità della zona spettacolo passando attraverso un sentiero attrezzato con postazioni dove si esibiranno guarattelle, burattini, ed altre forme espressive di tradizione di spettacolo ambulante. Ma il «Faito Etno Festival» sarà anche luci e jam session tra le due sponde del Mediterraneo, performance tra gli alberi di equilibristi, folk capace di coinvolgere emotivamente il pubblico. Il programma dell’evento sarà presentato nella sala consiliare del nuovo municipio di piazza Mercato questa mattina alle ore 11 nel corso di una conferenza stampa. Dopo i saluti del sindaco Gennaro Cinque, e dell’amministratore dell’Azienda di Turismo, Walter Tiani, la tre giorni sarà illustrata da Danilo Di Tota e Antonio Irlando, rispettivamente direttore artistico e tecnico dell’evento, con la relazione del professor Paolo Apolito, docente di antropologia dall’università di Salerno e Roma3. La serie degli spettacoli avrà inizio dalle 18 di venerdì con il «Trio Tarantae» e la scuola di tammorra «Aequana» cui seguirà l’inaugurazione della mostra «Alle radici del folk» a cura di Apolito e alle 20 il concerto «Progetto Mediterraneo». di James Senese. Sabato dalle 17 ci sarà un susseguirsi di animazioni nel bosco, circo da strada e spettacolo di guarattelle, mentre alle 18.30 sul palco dei castagni si esibirà il gruppo «Discede» di Maiori. Dalle 20 sul palco belvedere show di Marzouk Mejri, Clarles Ferri, Pietro Gallo, Cupa Trance, Dj set e di Giovanni Mauriello, già solista della Nuova compagnia di canto popolare. Domenica dalle 17 di nuovo spettacoli di mimi, acrobati e burattini, cui seguirà dalle 18.30 lo stage della scuola di tammora «Aequana» e dalle 20 i Tammora Chase, Marcello Colasurdo e Paranza, Peppe Barra e Djset

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.