Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Shrek Terzo – Da venerdì 31 agosto

Più informazioni su

 


   Cinema Armida – Sorrento
 Tel. 081 878 14 70


                Da venerdì 31 agosto


SHREK TERZO




Orario spettacoli: 17.30 – 20.00 – 22.30
Costo biglietto: 6.00 euro adulti – 4.00 euro bambini
Regia: Raman Hui, Chris Miller
Genere: Animazione
Durata: 92′


Trama:
Dopo i capovolgimenti degli episodi precedenti – dall’abbandono della palude alle blasonate nozze con la principessa Fiona – l’orco verde dalle orecchie a forma di trombetta, torna nel più politicamente scorretto dei cartoon per assicurare un degno successore al regno di Molto Molto Lontano. In una Hollywood rovesciata a immagine e somiglianza del mondo delle favole, il povero Re Harold, suocero ranocchio di Shrek e padre di Fiona, viene a mancare improvvisamente alla corte dei suoi cari. L’unico erede al trono, dopo il rifiuto incondizionato di Shrek, sembra essere un ingenuo sbarbatello che risponde al nome di Arthur. Insieme al nobile Gatto con gli stivali (“doppiato” da Antonio Banderas anche in italiano) e al logorroico Ciuchino, i tre eroi partono per una nuova avventura, proprio mentre il Principe Azzurro – stanco ormai di recitare in una platea indegna della sua bellezza – è pronto a meditar vendetta per riprendersi, insieme ai cattivi di tutti i tempi, il regno perduto.
Quando Shrek ha sposato Fiona l’ultima cosa a cui pensava era di diventare Re. Ma quando suo suocero, Re Harold, improvvisamente inizia a gracidare, Shrek effettivamente rischia di dover salire al trono e prendere il suo posto. A meno che, insieme ai suoi fidati compagni Ciuchino e Gatto con gli Stivali, non riesca a trovare un degno sostituto per governare il Regno di Molto Molto Lontano.
Il candidato ideale sembrerebbe il cugino di Fiona, Artù, un ragazzo che frequenta il liceo medievale, ma che si rivelerà più problematico di quel che si pensa.

Shrek terzo e non tre, perché in questo nuovo episodio della saga dell’orco verde il numero non si riferisce alla numerazione del film, ma al titolo regale che viene affidato al nostro eroe, dopo la dipartita del padre di Fiona.
La corona sta però stretta a Shrek, che sogna solo di poter tornare alla sua puzzolente palude, così si imbarca insieme agli inseparabili amici, il Gatto con gli stivali e Ciuchino alla ricerca dell’altro erede al trono, il giovane Arthur.
Nel regno di Molto, Molto Lontano intanto Fiona si prepara con le amiche per un lieto evento, ma un vecchio spasimante torna per avere la sua vendetta.
Arrivato al terzo episodio Shrek riesce ancora a divertire con sequenze esilaranti e personaggi ben scritti, ma nel complesso ha perso smalto, manca l’energia che caratterizzava i primi due episodi.
Se nei due film precedenti la parodizzazione della fiaba classica era il centro dell’intreccio e il motore comico della pellicola, qui sembra seguire i ritmi e le tematiche della Disney, tanto che la presentazione di Arthur è un chiaro omaggio a “La spada nella roccia”, senza la minima traccia di ironia.
In particolare il messaggio che solo credendo in se stessi si potrà avere il rispetto degli altri, è troppo declamato ed insistito, non viene mostrato attraverso le vicende della trama, ma spiegato più e più volte dai personaggi.
A soffrire maggiormente sono proprio i due protagonisti principali Shrek e Fiona che vengono superati per simpatia e battute dai comprimari. Ora sembrano due borghesi un pò imbolsiti, mentre Ciuchino e Il Gatto con gli stivali mantengono la loro carica eversiva.
Fiona soffre nel confronto con i personaggi delle principesse, amiche svampite e superficiali.
Dal punto di vista tecnico il film è realizzato in modo incredibile, bellissimi i paesaggi, le movenze sono molto fluide ed i personaggi ancor più espressivi dei primi due episodi ma si sente la mancanza di Andrew Adamson alla regia.
In definitiva Shrek terzo è un film divertente, ma non eccezionale come i precedenti.

La frase: “Chi avrebbe mai pensato che un mostro come me potesse avere un tesoro
così…”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.