Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

notizie dal mondo

Più informazioni su

 

 



Una volta morti i nostri corpi diventano inevitabilmente dei banalissimo involucri destinati a consumarsi in brevissimo tempo. Chi si accerta però che una persona sia realmente passata a miglior vita?
La categoria preposta a fare questa verifica dovrebbe essere quella dei medici ma, visti gli errori di cui si sente spesso parlare, si ha l’impressione che gli stessi si limitino a fare delle domande all’ipotetico cadavere. Se si risponde la persona è viva, in caso contrario per il non morto sono guai.

A Caracas, la capitale del Venezuela, un uomo dichiarato morto si è svegliato mentre gli praticavano l’autopsia. A farlo risvegliare, non è ben chiaro se questa sia stata per lui una cosa buona o brutta, è stato il dolore causato dalle incisioni del bisturi.

“Mi sono svegliato – ha raccontato ancora visibilmente traumatizzato Carlos Camejo, di 33 anni – perché il dolore era insopportabile”. I sanitari, a dirla tutta, erano già insospettiti dal fatto che il “cadavere” sanguinasse. Quando hanno sentito le urla hanno fatto un salto per lo spavento e subito dopo si sono affrettati a richiudere il poveraccio.

La moglie di Camejo, andata all’ospedale per identificare il corpo, l’ha trovato invece vivo su una lettiga in corridoio.fonte tiscali

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.