Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

La Duchessa di Langeais – Solo giovedì 27 settembre

Più informazioni su

Cinema Armida – Sorrento
Tel. 081 878 14 70




Solo giovedì 27 settembre


     LA DUCHESSA DI LANGEAIS
 




Orario spettacoli:
17.30 – 20.00 – 22.30
Costo biglietto: 6.00 euro adulti – 4.00 euro bambini 
Regia: Jacques Rivette
Cast: Jeanne Balibar, Guillaume Depardieu, Bulle Ogier, Michel Piccoli, Anne Cantineau
Genere: Storico
Durata: 137′


Trama:
Armand de Montriveau, giovane e attraente generale francese, ritrova nell’isola di Majorca come suora di clausura la duchessa Antoinette de Langeais, di cui si era perdutamente innamorato cinque anni prima. Riviviamo da questo momento le varie fasi di una passione maschile abilmente contrastata da una donna attratta ma non disposta a cedere.
Jacques Rivette si rivolge questa volta a Balzac per continuare l’esplorazione di quei sentimenti contrastanti che sono la passione che acceca e l’attrazione erotica che ha bisogno di tortuosi percorsi per potersi manifestare, ivi compresa la negazione della sessualità esplicita. L’adesione al testo è però questa volta ancor più radicale che nel passato. Rivette ammette che è stato Rohmer a spingerlo a leggere Balzac e Dostoevski fin dagli anni Cinquanta, ma che la resistenza è stata forte. Complice una notte insonne l’incontro è finalmente avvenuto. Ecco allora che il regista ha sentito il bisogno di non ‘modernizzare’ chi già di per sé era moderno, ma di realizzare una trasposizione che rispettasse il sentire dell’autore.
In quel progressivo avvicinarsi e perdersi che non ha età ed epoca (e che in Balzac riusciva anche a riflettere i mutamenti sociali del periodo storico che descriveva) Rivette inserisce i ritmi della lettura. I cartelli che rimandano all’epoca del muto non sono altro che le interpunzioni linguistiche di un cinema che non rinnega la letteratura per trasformarla, ma cerca in essa una forma comunicativa. Per far questo occorrono però due interpreti all’altezza, e Jeanne Balibar e Guillaume Depardieu lo sono. La prima offre al film una ‘non bellezza’ estremamente seducente modulata su canoni di un’altra epoca che non diventano mai ridicoli, perché riescono a far comprendere come le parole e le convenzioni mutino ma il gioco dell’amore rimanga eternamente simile a se stesso. Il secondo ripropone la fisicità paterna senza cercare di imitarla. Il suo De Montriveau è ricco di chiaroscuri umorali che segnano un percorso tanto determinato quanto ricco di contraddizioni, che condurranno alla battuta finale che è al contempo metafora di un’epoca ma anche di una condizione umana.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.