Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Peppe Barra a Maiori

Più informazioni su

Non è vero che “chi fa per sé fa per tre”. Meglio sarebbe se ci fosse un coordinamento di tutte le manifestazioni estive sul territorio (se ne potrebbe far carico, ad esempio, Ravello Festival, che sul territorio della Costiera gestisce, senza alcun dubbio, l’evento più importante). Se ne discute ormai da una vita, invece niente. C’è, ogni anno, e quest’anno, credo, ancora di più, un inutile antipatico accavallamento di iniziative. Eppure, in molti casi, esse sono valide, capaci di favorire la mobilità di turisti e villeggianti da un paese all’altro.
Cito, ad esempio, le quattro serate in programma a Maiori nel teatro all’aperto di palazzo Mezzacapo a cura dei Laboratori Flegrei Produzioni Spettacoli, col titolo “Suggestioni a Maiori”, nell’ambito dei “teatri del mare”: Peppe Barra in concerto (giovedì 26 luglio), Marina Confalone e Pino Strabioli in “Capasciacqua” (mercoledì 8 agosto), Federico Salvatore in “Fare il napoletano… stanca” (domenica 19 agosto), Mariano Rigillo in “I balli di Sfessania” (giovedì 13 settembre).
Il primo appuntamento, quello di domani 26 luglio, si annuncia “raffinato e travolgente”. Conoscendo il protagonista, Peppe Barra, non potrebbe essere altrimenti. L’artista offrirà al pubblico “un affresco sonoro, melodico e ritmico che abbraccia passato e presente, tradizione e modernità”. Barra – dichiarano gli organizzatori – si dimostra particolarmente felice nel “contaminare” con energia travolgente un repertorio che seleziona i brani più belli e significativi del repertorio partenopeo, dal seicento ai giorni nostri, che passa per Basile, E.A. Mario e Armando Gill, e non solo. Sempre protagonista la lingua napoletana, che nelle sue interpretazioni si carica di ancor più di allusioni, di significati. Molte delle canzoni cantate da Peppe Barra sono moderne favole musicali che non hanno paura di confrontarsi con tematiche leggere e con argomenti di forte impatto sociale, sempre affidandosi alla raffinata scrittura musicale e poetica dei musicisti che compongono la sua compagnia. Una fusione perfetta, quindi, di musica, canto, parole.
Insomma, lo spettacolo promette di trasformarsi in “una trama fitta di sogni, desideri, passioni e sentimenti, citazioni e ricordi”.
Sigismondo Nastri

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.