Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Amalfi tutto pronto per Sant´Andrea

Più informazioni su

MERCOLEDI’ E’ FESTA GRANDE AD AMALFI (E, SE POSSO, CI VADO)



Mercoledì 27 giugno, ad Amalfi, festa del “patrocinio” dell’Apostolo Andrea. Si ricorda un episodio che ci riporta al 1554, quando imperversava lungo le nostre coste il pirata turco Khair-ad-Din, detto Barbarossa. Egli, dopo aver saccheggiato Ischia e Procida, si stava trasferendo nel golfo di Salerno, “nutrendo eguale disegno di rapina e di distruzione. Ma mentre in quel solstizio estivo il mare era placido e tranquillo – scrive lo storico Matteo Camera –, questo cominciò verso sera a rubbolare, e gradatamente ingrossando, commutossi in sì fiera ed orribil tempesta da mandare a male la flotta ottomana”. In un documento, redatto dal notaio Berardo Battimelli di Ravello, si racconta che, all’alba del 27 giugno, le navi di Barbarossa erano davanti alla costa, pronte ad attaccare. La gente, colta dal panico, invocò la protezione di Sant’Andrea. Amalfi sarebbe stata messa a ferro e fuoco se non si fosse scatenata una violenta tempesta, che portò scompiglio tra gli assalitori (la falca di uno di quei vascelli è esposta ora nel museo della cattedrale). Scampato il pericolo, si gridò al miracolo. E da allora, con l’approvazione della Santa Sede, iniziarono i festeggiamenti in corrispondenza con quella data.

E’ da alcuni anni che manco a questa festa, vorrei proprio andarci, anche se i tempi sono cambiati ed essa (esprimo una opinione personale,e mi riferisco solo alla processione), rispetto ai tempi della mia infanzia e della mia giovinezza, oggi è più assimilabile a una manifestazione turistica che a una funzione religiosa. Se non vado, mi dicono, posso assistere alle principali celebrazioni liturgiche in cattedrale attraverso un servizio di web cam in diretta (sul sito della diocesi: www.diocesiamalficava.it).

Le navi di Barbarossa erano davanti alla costa, pronte ad attaccare. La gente, colta dal panico, invocò la protezione di Sant’Andrea. Amalfi sarebbe stata messa a ferro e fuoco se non si fosse scatenata una violenta tempesta, che portò scompiglio tra gli assalitori (la falca di uno di quei vascelli è esposta ora nel museo della cattedrale). Scampato il pericolo, si gridò al miracolo. E da allora, con l’approvazione della Santa Sede, iniziarono i festeggiamenti in corrispondenza con quella data.

La solenne concelebrazione eucaristica, nell’antica cattedrale, sarà presieduta dal cardinale José Saraiva Martins, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi.

La processione, come al solito, partirà dalla sommità del duomo al calare del tramonto: sfileranno le organizzazioni cattoliche, le rappresentanze delle antiche congregazioni, il clero. La statua argentea del santo, pregevole opera d’arte del ‘700, sarà seguita dal gonfalone municipale, dalle autorità, dalla banda musicale. La Schola cantorum ne accompagnerà le note col canto: “O di Amalfi protettore, Sant’Andrea nostro duce, / spicca un raggio di tua luce nostre menti ad illustrar. / Vibra un dardo del tuo amore pei tuoi figli in mezzo al seno / e del fuoco in un baleno bruci ognun di carità. / Dalla culla t’invocammo innocenti pargoletti / oggi i voti e i nostri affetti a te son rivolti ancor. / Vieni e siedi sulla prora dei navigli amalfitani / e dai lidi assai lontani giunga salvo ogni nocchier. / Pescator di Galilea, benedici ogni mattina / e le reti e la marina e la barca e il pescator. / Calma il mare procelloso, fuga i morbi, il nembo e il tuono / del tuo nome al dolce suono nostro insigne protettor”.

Una bella descrizione dell’avvenimento la trovo nel libro di A. t’Serstevens “La fête à Amalfi”: “La scalinata è ricca di colori come una voliera. Si vede ancora un immenso ombrellone, a forma di cono, con delle strisce verticali gialle e viola, retto da paggi in seta rossa gallonati d’oro; più alto, il baldacchino, a otto aste coronate di piume e tutto di raso bianco; e sotto l’atrio, gli stendardi nazionali sostenuti da signori in redingote”.

Il lungo corteo, sicuramente, attraverserà le vie tra due ali di folla. I turisti si daranno da fare per catturarne, con le telecamere, le macchine fotografiche, i videofonini, le immagini più suggestive. Il rientro del prezioso simulacro avverrà ancora una volta di corsa (in barba a tutti gli appelli in senso contrario e alle stesse disposizioni dell’Autorità ecclesiastica, che ormai ci ha fatto il callo e accetta lo stato di fatto): giunti ai piedi dell’imponente scalinata del duomo, i portantini, coadiuvati da decine di volontari, affronteranno in velocità la salita in un’atmosfera di suspance e di assoluto silenzio, che subito dopo sfocerà in un prolungato applauso. Si tratta di un momento spettacolare, emozionante, che certamente contrasta con la compostezza e il raccoglimento in preghiera che caratterizzano le altre fasi della processione. Sono contrario alla corsa, che non ha niente a che vedere con la fede (rassomiglia piuttosto alle fasi conclusive di una corrida), e lo dichiaro a voce alta, anche a costo di farmi dei nemici.

Ad Amalfi il culto di Sant’Andrea risale al tardo Medio Evo, quando la città aveva una posizione preminente nei traffici commerciali sulle rotte del vicino Oriente. Il cardinale Pietro Capuano, patrizio amalfitano, inviato dal Papa Innocenzo III come suo rappresentante alla quarta crociata, riuscì ad impossessarsi delle sue venerate spoglie e l’8 maggio 1208 le consegnò alla chiesa cattedrale, dove furono collocate nella cripta. Nella ricorrenza dell’ottavo centenario di questo evento, si stanno allestendo, come ho già scritto su questo blog, imponenti celebrazioni, che si concluderanno il 30 novembre del 2008.

Dal 29 novembre 1304 è documentato il miracolo della “Manna”: un liquido – al quale si attribuiscono proprietà taumaturgiche –, che trasuda dal sepolcro e viene raccolto in apposite ampolline. “La fama di Amalfi come pia meta di pellegrinaggio – nota Dieter Richter – crebbe decisamente allorquando per tutta Europa si sparse la notizia che nella cripta del Duomo le reliquie del Santo secernevano un olio miracoloso chiamato manna. Amalfi, nella letteratura degli inizi dell’età moderna, diventa la città di Sant’Andrea e del suo olio miracoloso: Il Divo che di manna Amalfi instilla (Tasso, 1593)”. La tradizione vuole che anche San Francesco d’Assisi sia venuto ad inginocchiarsi davanti alle reliquie dell’apostolo.

© Sigismondo Nastri

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.