Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Minori ricorda il poeta Di Lieto il 19 maggio

Più informazioni su

Alfonso
Gatto lo definì “l’intellettuale che aveva dentro di sè la
speranza”;
mentre il poeta-politicoi Giuseppe Liuccio sollecitava, per
colui che
aveva saputo coniugare il socialismo con grande umanità, un
riconoscimento pubblico. Solo solo un piccolo esempio, calzante, di
quanto hanno detto e scritto intellettuali del secolo di Giannino di
Lieto, poeta minorese scomparso da circa un anno e della cui opera si
parlerà, in un profondo ricordo, il prossimo 19 e 20 di maggio
nell’aula consiliare del Comune di Minori. Il convegno, organizzato
dal
Comune di Minori e dalla Proloco cittadina, con il patrocinio
della
Provincia di Salerno, della Regione Campania, della Comunità
Montana
Penisola Amalfitana, dell’E.P.T. di Salerno e
dall’Associazione degli i
ndustriali di Salerno, avrà come tema
portante “Il segno forte del
Secondo Novecento: La ricerca di una
forma di linguaggio europeo”.
Relatori saranno Giorgio Bàrberi
Squarotti, Maurizio Perugi, Luigi
Fontanella, Roberto Fedi, Renato
Filippelli, Francesco d’Episcopo,
Jolanda Insana, Alberto Coppi,
Gilberto Finzi, Velia Iacovino, SWtefano
Lanuzza, Ciro Vitiello,
Corrado Piancastelli, Davide Arquani. La
discussione sarà intervallata
dalla lettura di poesie dell’autore
scomparso da parte di Alessandro
Quasimodo. Medaglia d’oro al Premio
poesia Lerici-Pea, vincitore dei
premi Pisa e Laboratorio delle arti,
finalista al “Viareggio” con le
opere Punto di inquieto arancione e
Nacita della serra, Giannino di
Lieto ha ricevuto il Premio della
Cultura della Presidenza del
Consiglio dei Ministri.
Nato a Minori, ha
avuto nella sua giovinezza
anche una fugace apparizione nella vita
politica, della quale, alla
fine, non condivideva, forse, il troppo
materialismo, tuffandosi,
così, con tutto il suo amore, nella sublimità
dell’arte letteraria e
della poesia in particolare, non disdegnando di
offrire il suo
pensiero a tanti giovani che affollavano il suo cenacolo
domestico.
Ora Minori dovrà aprire, con il prossimo convegno, un
discorso attento
sul pensiero e le opere del poeta che dovrà
necessariamente
prolungarsi nel tempo e da cui partire per gettare le
basi di un
dovuto riconoscimento, anche con un  premio o una fondazione
a perenne
ricordo di un suo figlio illustre.
                                           g.a.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.