Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

A Ravello il premio Napoli il 6 settembre

Più informazioni su

 La Fondazione Premio Napoli apre le porte alla città con un calendario di incontri per tutto l’anno, e l’ambizione di trasformare la sede di Palazzo Reale in una «Casa dei lettori» e la fondazione stessa in un’istituzione culturale stabile, crocevia delle culture e delle arti. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo presidente Silvio Perrella, in occasione della proclamazione dei libri vincitori della cinquantatreesimo edizione del Premio Napoli, all’Istituto Cervantes. L’incontro si è aperto con la proiezione di uno spezzone del documentario di Martin Scorsese sul cinema italiano, dedicato a «Viaggio in Italia» di Roberto Rossellini. Gli occhi di Ingrid Bergman, che nel film si posano sulla città di Napoli, sono stati scelti, infatti, da quest’anno come il simbolo della Fondazione, e il capolavoro di Rossellini sarà proiettato l’11 ottobre al Teatro di San Carlo, in una versione restaurata per l’occasione. La proiezione concluderà un evento organizzato dalla Fondazione e intitolato «Verso ”Viaggio in Italia”», che prevede una rassegna di film su Napoli scelti da artisti e intellettuali napoletani, come Francesco Rosi, Tullio Pironti, Nino Longobardi, Enzo Gragnaniello, Antonio Biasiucci, Peppe Lanzetta e altri. I film scelti – da «Paisà» a «Certi bambini», da «Morte di un matematico napoletano» a «Il giudizio universale» – introdotti da brevi video-interviste agli autori delle segnalazioni, saranno proiettati in vari luoghi della città, all’interno delle rassegne cinematografiche estive. Una rassegna disseminata che si riunirà poi a Roma, nella sala del Centro Sperimentale di Cinematografia. Dopo l’introduzione del presidente, la giuria tecnica – composta da Sergio De Santis, Angelo Ferracuti, Sandro Lombardi, Nelson Moe, Mercedes Monmany, Luca Scarlini, Toni Servillo, Mariano Bàino, Franco Cassano, Roberto Esposito, Titti Marrone, Marino Niola, Maria Pace Ottieri, Gabriele Pedullà e dal presidente Silvio Perrella – ha annunciato i vincitori del Premio Napoli 2007: per la narrativa italiana, Rosa Matteucci con Cuore di mamma (Adelphi), Francesco Pecoraro con Dove credi di andare (Mondadori) e Andrea Di Consoli con Il padre degli animali (Rizzoli); per la narrativa straniera, Haruki Murakami con Norwegian wood. Tokio blues (Einaudi), A. L. Kennedy con Stati di grazia (Minimum fax) e Per Olov Enquist con Il libro di Blanche e Marie (Iperborea); per la poesia Nico Naldini con I confini del paradiso (l’ancora del Mediterraneo), Antonella Anedda, con Dal balcone al corpo (Mondadori)e Sara Ventroni con Nel gasometro (Le Lettere); per la saggistica Isaia Sales Le strade della violenza (l’ancora del Mediterraneo), Raffaele Manica con Exit Novecento (Gaffi) e Remo Bodei con Piramidi di tempo. Storie e teorie del déjà vu (Il Mulino). Il premio speciale 2007 è andato al libro postumo di Marisa Madieri Maria (Archinto) e una menzione speciale al volume di Alberto Mario Moriconi Non salvo Atene (Tullio Pironti Editore). I dodici vincitori inizieranno gli incontri con il pubblico a partire dall’ultimo fine settimana di settembre in librerie, caffè letterari e istituti culturali cittadini: quattro appuntamenti sempre di venerdì fino alla serata finale, il 26 ottobre, dove i 154 comitati di lettura (per un totale complessivo di 1243 votanti) eleggeranno il loro vincitore, uno per sezione. I libri saranno distribuiti ai comitati di lettura il 21 giugno in occasione della festa di primavera «Fondazione porte aperte». Tra i prossimi appuntamenti in programma: il 31 maggio Pier Vincenzo Mengaldo (alle 17,30 in Fondazione) parlerà di Primo Levi e delle testimonianze sulla Shoah, il 15 giugno incontro con l’artista Lorenzo Mattotti (alle 17 in Fondazione) e il 6 settembre trasferta a Ravello dei dodici vincitori.


Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.