La via della castagna in Costiera amalfitana

Più informazioni su

Visita al paesaggio rurale d’autunno di Scala e Tramonti

 


 infostampa

 

È un progetto curato dai comuni di Scala e Tramonti con l’obiettivo di valorizzare la castagna dei Monti Lattari per avviare la procedura di riconoscimento della certificazione di qualità IGP o DOP.

 

È la fascia collinare e di montagna della costa d’Amalfi ad essere interessata, il corridoio pedemontano dei Monti Lattari, lungo valli e colline, da Tramonti sino a Scala. Sono 200 ettari circa di SAU –superficie agricola utilizzata- impegnati a castagno, una produzione per circa 40mila quintali, mercati di sbocco nazionali ed esteri (States e Germany) trattati da grossisti e mediatori campani; la trasformazione locale, però, è del tutto ininfluente, assorbita com’è dal solo settore delle pasticcerie. Questi sono i dati e le informazioni salienti. Il grosso del consumo locale avviene in direzione delle famiglie.

La valorizzazione è un aspetto fondamentale per razionalizzare ed ottimizzare la produzione dell’intero comparto castanicolo e per lanciare la filiera della castagna dei Monti Lattari, dalla coltivazione al mercato-consumo, passando per le fasi vitali della raccolta-selezione-lavorazione / confezionamento – spedizione / trasformazione in loco / ricerca mercati di sbocco. Valorizzare la castagna per valorizzare il castagneto e i luoghi dell’Alta Costiera e della sua realtà agricola e rurale.

 

La via della castagna è un’azione di marketing territoriale promossa dal basso, direttamente dai due comuni di Scala e Tramonti. Il progetto è stato finanziato dal PIR /Piano Integrato rurale / SA1 Costiera Amalfitana Monti Lattari  con la misura 4.24 del POR Campania.

Va dal 30 settembre al 12 novembre impegnando tutti i fine settimana. È interessato tutto l’ottobre sino alla seconda domenica di novembre.

 

L’itinerario della castagna si snoda in una serie di appuntamenti culturali e gastronomici, lungo i Villaggi, alla scoperta delle tipicità alimentari di qualità e delle realtà rurali “cosiddette” minori, sconosciute al grande pubblico, promosse nell’itinerario della via della castagna.

Più informazioni su

Commenti

Translate »