Approvato dal CdM il pacchetto "Cittadino-consumatore"

Più informazioni su

    Approvato dal CdM il pacchetto “Cittadino-consumatore” del Ministro Bersani che introduce importanti elementi di liberalizzazione nel settore di farmacie, taxi, banche, ordini professionali ed Rc Auto. Svolta anche per la class action: Letta annuncia ddl nella manovra complessiva. Esultano i consumatori.

    Il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto, presentato dal Ministro per lo Sviluppo Economico, Pierluigi Bersani, che introduce importanti elementi di liberalizzazione nel settore di farmacie, taxi, banche, ordini professionali ed Rc Auto. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Enrico Letta ha inoltre annunciato un disegno di legge sulla class action, ovvero la possibilità per più soggetti di unirsi in un’azione legale. Positive le reazioni dei consumatori che da più parti plaudono al provvedimento del Governo.

    Per quanto riguarda le farmacie, la norma consente la vendita dei medicinali senza obbligo di ricetta nei supermercati. I taxi potranno invece possedere più di un’auto con una sola licenza mentre per le banche si prevede che i tassi di interesse sui conti correnti dovranno essere adeguati solo in linea con le variazioni varate dalla Banca Centrale Europea. Nel settore Rc Auto si prevede il superamento del vincolo del monomandato per gli agenti assicurativi. Liberalizzato anche il passaggio di proprietà delle auto: il trasferimento della competenza per la compravendita passa dai notai ai Comuni. Novità infine per le tariffe degli avvocati: il provvedimento abolisce la tariffa massima e minima.

    Soddisfatti i consumatori che da tempo attendevano il provvedimento. Per Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino (MDC), “Il Governo Prodi finalmente fa una scelta netta a favore dei consumatori e della liberalizzazione di importanti servizi. Ci convince il provvedimento che autorizza la vendita dei farmaci da banco nella grande distribuzione. Questo permetterà un abbassamento dei costi, che si porterà a livello con gli altri Paesi europei, una maggiore disponibilità dei punti vendita e il superamento della chiusura corporativa delle farmacie”.

    Positivo per MDC anche l’intervento nel settore dei taxi: “Con il provvedimento si avvia a soluzione il problema della scarsità del servizi nelle grandi città. Così pure il trasferimento della competenza per la compravendita della auto dai notai ai Comuni semplifica la vita e riduce i costi per milioni di cittadini. Infine anche per la responsabilità civile auto si aprono nuove possibilità di riduzione delle polizze grazie alla maggiore concorrenza tra le aziende”.

    “Una vera e propria rivoluzione nel rapporto tra aziende e consumatori”. Così il presidente dell’associazione definisce il ddl sulla class action annunciato da Letta. “Con questo strumento – spiega Longo – contenziosi di massa come ad esempio quello Parmalat e Cirio o per le tariffe Rc auto potranno essere affrontati una sola volta con effetti che ricadono su tutti i consumatori interessati. Va riconosciuto al Governo Prodi il merito di una scelta ben diversa rispetto a quella che fecero nel 2002 il Governo Berlusconi e il ministro Marzano con il famoso decreto “salvacompagnie” che tagliò le unghie alle associazioni dei consumatori e ai cittadini per il contenzioso Rc auto”.

    “Senza dubbio – ha commentato invece Paolo Landi segretario generale Adiconsum – queste misure favoriranno sia i consumatori che il sistema Italia: finalmente ci sarà un abbattimento dei costi di quei servizi che fino ad oggi erano in mano alle lobby. Per quanto riguarda gli avocati, è necessario il superamento degli onorari con l’introduzione della quota lite per il ricorso: cioè un pagamento in base a quanto si è effettivamente recuperato.”

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »