Sit: come comunica la Protezione Civile a Bari

Più informazioni su















    PROTEZIONE CIVILE: INFORMAZIONI VIA SMS

    /comune/eda_img/gallery/Bari/Immagini/simobile100.jpg








    La convenzione firmata dal Comune di Bari con Simobile per l’utilizzo del Sistema SIT (Sistema Integrato Territoriale) è stata presentata il 17 gennaio alla stampa dal consigliere Massimiliano Vitale, delegato del Sindaco per la Protezione Civile.


     Il sistema consente di comunicare in maniera bi-direzionale con i cittadini eventi di qualsiasi natura, in particolare eventi calamitosi, attraverso l’uso di sms ed è predisposto anche per ricevere segnalazioni.


    La Protezione Civile fornisce i dati al SIT che comunica poi le informazioni alla propria utenza, tramite il gestore telefonico predefinito (TIM, VODAFONE, WIND, 3G). Prevenzione e tempestiva informazione sono strumenti fondamentali per ridurre le ripercussioni conseguenti ad un evento calamitoso: il sistema stabilisce le priorità in base a regole fissate in fase di personalizzazione del servizio.


    In caso di eventi particolari o di calamità il SIT si occupa di allarmare i destinatari – incaricati della Protezione civile, Comando Polizia Municipale, personale comunale incaricato, cittadini – e consente di:  



    • informare la popolazione sui livelli di allarme in atto (es. fuga di gas, blocco stradale, black out, allagamenti, ecc.)
    • elaborare i dati di ingresso e reindirizzarli automaticamente verso specifici destinatari
    • aggiornare automaticamente la propria banca dati
    • effettuare statistiche sugli eventi

    Dal 18 gennaio sarà possibile iscriversi al servizio collegandosi al sito www.simobile.it: è necessario indicare il quartiere di appartenenza perché le informazioni saranno mirate ed inoltre sottoscrivere la liberatoria per la legge sulla privacy. Con i dati raccolti verrà realizzata una banca dati dei numeri dei telefoni cellulari dei cittadini. La convenzione sottoscritta ha la durata di tre anni.    

    Angelica D’Urso

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »