RAVELLO, IL PDL PER LE EUROPEE AL 56%. ECCO COSA E´ SUCCESSO IN ATTESA DELLE PROVINCIALI. LA POLITICA SUI BLOG

0

A Ravello ha votato il 76 per cento degli elettori con una vittoria schiacchiante del PDL alle Europee in linea con quello che è avvenuto in Costiera amalfitana a Positano. Ecco i dati ufficiali della Prefettura (UGT) di Salerno.  Elettori 2.087 Votanti 1.591 76,23 % Schede bianche 122 7,66 % Schede nulle 52 3,26 % Schede contestate e non assegnate – – Sezioni pervenute 3 su 3 100,00 % Liste Voti % Visualizza elenco candidati IL POPOLO DELLA LIBERTA’ 802 56,59 Visualizza elenco candidati PARTITO DEMOCRATICO 240 16,93 Visualizza elenco candidati DI PIETRO ITALIA DEI VALORI 134 9,45 Visualizza elenco candidati LA DESTRA-MPA- PENSIONATI -ALL.DI CENTRO 70 4,94 Visualizza elenco candidati UNIONE DI CENTRO 48 3,38 Visualizza elenco candidati SINISTRA E LIBERTA’ 43 3,03 Visualizza elenco candidati LISTA MARCO PANNELLA – EMMA BONINO 34 2,39 Visualizza elenco candidati RIFOND.COM. – SIN.EUROPEA – COM.ITALIANI 24 1,69 LEGA NORD 8 0,56 Visualizza elenco candidati LIBERAL DEMOCRATICI – MAIE 6 0,42 Visualizza elenco candidati FIAMMA TRICOLORE 6 0,42  FORZA NUOVA 2 0,14 Totale 1.417 . Fra le curiosità blog scatenati senza freno, con un’intervento del Blog di Frank Zappia che contestava un articolo di Positanonews ritenuto favorevole verso Salvatore Di Martino (era una cronaca di un comizio ma Positanonews ha tenuto conto in questa occasione elettorale della cosa sospendendo l’articolo e sospendendo anche un servizio su La Stampa che avrebbe attaccato Di Martino pubblicato però sul blog Il Poggio, verrà messo in rete questa sera). In rete Il Vescovado ha tenuto un meticoloso resoconto dei votanti anche seggio per seggio. Fuori dai seggi e dalla rete vi è stata una segnalazione di una scritta offensiva contro Salvatore Di Martino, subito cancellata dalla polizia municipale, e un voto (nullo) a Felice Mastronzo (il candidato virtuale del blog Il Poggio). Si aspetta il risultato delle provinciale che vede tre candidati locali Salvatore Di Martino, vicesindaco, Ulisse di Palma, capogruppo di opposizione, e Gerardo Russo, italia dei valori. Lo scontro qui come in altre realtà ha molta valenza localistica. Positanonews è stata la centro del dibattito politico ecco il post pubblicato sul blog Nessuno escluso 

venerdì 5 giugno 2009

Caro Michele,
sai quanta stima nutro per la tua persona.
Apprezzo la dedizione profonda che metti nell’esercitare al meglio la tua professione, ed il servizio che rendi al giornalismo, in particolar modo a quello on- line.
Sempre attento alla notizia e capace di trovarne, più degli altri a trovarne.
Ma l’articolo apparso stamane a 24 ore circa dall’apertura delle urne, proprio non mi va giù.
Mi riferisco all’articolo a firma della tua collaboratrice Valeria Civale, sul candidato alle provinciali per Villani, Salvatore Di Martino, apparso un po troppo di parte e palesemente un elogio al candidato, non obbiettivo insomma.
Michele, tu che sei giornalista esperto e consapevole, sai che in politica tutto può accadere, ma credo che l’articolo faccia apparire che l’unico candidato serio sia il Di Martino.
Io che patteggio per l’altra parte,mi sento profondamente deluso.
I candidati del centro destra, nessuno escluso , non hanno avuto , nelle pagine del tuo giornale la stessa attenzione.
Valeria Civale, chiaramente schierata a favore di Di Martino, non ha voluto assolutamente parlare dell’intervento di Di Palma a Scala, dell’altra sera, o dei vari incontri tenuti a Ravello dai candidati del centro destra, Bottone e Mormile, su tutti.
A onor del vero, neanche l’altro candidato del centro sinistra di Ravello , il dottor Russo, ha avuto sorte migliore, dalla penna della Civale.
Ma come dicevo prima è una Tua collaboratrice, e quindi sei tu che ritieni di inserire degli articoli.
Avevi detto che non davi spazio ai candidati nell’ultima settimana, ma forse ho il calendario avanti.
Augurando che le sorti della Provincia di Salerno, vengano affidate a centro destra,ti saluto calorosamente
Francesco Zappia
Pubblicato da Francesco Zappia a 12.12
Di seguito a questa lettera Positanonews, anche se era solo un blog e nonostante Di Martino fosse stato un nostro sponsor, con Gerardo Russo a Ravello e altri dieci politici (sia da destra che da sinistra, con tanto di offerta pubblica, inviata alle autorità delle comunicazioni e messa in rete con i prezzi come prevede la legge,  reiterata a tutti proprio per consetire a tutti di aver spazio sulla nostra testata e dimostrare che non avevamo avversità verso alcuno, dalle pubblicità elettorale guadagniamo molto meno di quelle commerciale, ndr) , pur essendo stato preso di mira da tutti (per diversi motivi gli attacchi apparivano su tutti i blog di Ravello, come pure Ulisse Di Palma veniva attaccato perchè imposto dall’esterno al PDL locale, questo, sia chiaro, sempre secondo quanto dicevano i blog) l’articolo era solo una cronaca, ha sospeso l’articolo. Sul blog poi sono apparsi una serie di commenti attribuiti falsamente a Positanonews poi una serie di attacchi. A questi hanno risposto i nostri lettori che, nei giorni dello spoglio, oltre a confermare che la nostra testata è la prima in Costiera amalfitana, e quindi anche a Ravello, è stata la più vista della provincia di Salerno.
Appena terminato lo spoglio Positanonews ha rimesso in rete sia l’articolo de La Stampa sia quello di Valeria Civale.  Ci scusiamo con gli interessati il nostro è stato forse uno scrupolo eccessivo ma ci teniamo a Ravello, dove siamo stati i primi a far cronaca quotidiana online, e rimaniamo i primi in termini assoluti, anche perchè ci teniamo a dimostrare la nostra totale imparzialità autonomia ed indipendenza. Ne approfittiamo per inciso che, seppur attaccati sui blog (ma anche nei comizi di Atrani e Tramonti o Meta di Sorrento siamo stati messi in “mezzo” e ciò sta a dimostrare la nostra enorme visibilità), continuiamo ad apprezzare come abbiamo fatto in passato ogni forma di informazione, dalla testata giornalistica Il Vescovado, allo straordinario sito turistico Ravellotime dell’Azienda di Soggiorno e Turismo, che tutti in Costiera dovremmo difendere, al Ravello Festival che rimane l’unica manifestazione degna di questo nome nel nostro territorio, ai blog Nessuno Escluso e Il Poggio, ma anche alla tanta vita mediatica di Ravello dalla Chiesa, prima sul territorio, a Iolanda Mansi, che ogni testata andrebbe orgogliosa di ospitare, a Luigi Buonocore, che consideriamo fra gli storici più preparati di tutto il territorio, ai tanti siti dei fratelli Gallucci e tanti altri ancora che dimostrano l’effervescenza, la creatività, la capacità e bravura dei ravellesi che stanno portando la loro città ad essere una stella del turismo mondiale.