Doppia sfida della Corea del Nord: nuovo test nucleare e lancio di un missile

0

 

SEUL – Doppia sfida di Pyongyang alla comunità internazionale: nella stessa giornata il regime nordcoreano ha compiuto il secondo test nucleare della sua storia e effettuato il lancio di un missile con una gittata di 130 chilometri. È stato lo stesso governo di Kim Jong-il ad annunciare di aver condotto un test atomico più potente di quello dell’ottobre 2006 che scatenò l’indignazione e la preoccupazione del mondo intero. Da quando il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite aveva inasprito le sanzioni contro il regime, in seguito al lancio di un missile balistico in grado di raggiunger il territorio statunitense, la Corea del Nord minacciava al ripresa degli esperimenti nucleari. «Il test sotterraneo è stato condotto con successo» si legge in una nota dell’agenzia ufficiale Kcna, «e fa parte delle misure per rafforzare in ogni modo il potere di deterrenza nucleare». Poche ore dopo dal poligono di Musudan-ri, lo stesso dal quale partì il 5 aprile scorso il missile balistico Taepodong 2, è stato sparato un missile terra-aria a corta gittata.

IL TEST NUCLEARE – Il test ha provocato un “terremoto artificiale”, come ha spiegato l’agenzia Yonhap, prima della conferma ufficiale da parte del governo nordcoreano, citando fonti vicine alla coalizione di maggioranza e di governo di Seul. «La scossa è avvenuta poco prima delle ore 10:00 locali (le 3 di notte in Italia, ndr)», ha spiegato la fonte sudcoreana, aggiungendo che la magnitudo rilevata è stata di 4,5 gradi.

«UN SUCCESSO» – «In linea con la richiesta dei nostri scienziati e tecnici, la nostra Repubblica ha condotto con successo un test nucleare sotterraneo il 25 maggio, come parte delle misure volte a rafforzare le sue capacità nucleari di autodifesa», ha riferito un funzionario nordoreano alla Kcna. Nessun riferimento sul luogo del test, che segue comunque quanto annunciato dal regime il 29 aprile scorso sul proposito di nuovi esperimenti nucleari, in risposta alla dura presa di posizione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu sul missile-satellite nordcoreano del 5 aprile.

L’AMERICA CONSULTA GLI ALLEATI – Gli Stati Uniti hanno ora avviato consultazioni con i loro alleati per accertare i fatti. Lo ha reso noto un responsabile del Dipartimento di Stato. «Siamo al corrente delle informazioni su un test nucleare effettuato dalla Corea del Nord – ha detto questo responsabile, che ha voluto rimanere anonimo -. Stiamo consultando i nostri alleati. Una volta che avremo stabilito i fatti, avremo di più da dire». Per Benita Ferrero-Waldner, la commissaria europea alle Relazioni esterne della Unione Europea, il test nucleare sotterraneo compiuto la notte scorsa dalla Corea del Nord è «molto, molto preoccupante».

corriere.it                      Michele De lucia