CAPRI E ANACAPRI AL VOTO. RITORNANO GLI EX SINDACI NELLA PERLA DELLA CAMPANIA

0

 Ai nastri di partenza della corsa a sindaco dei due centri di Capri e di Anacapri, rispettivamente Costantino Federico e Franco Cerrotta, ex primi cittadini che ritentano la scalata alla poltrona di sindaco dopo un quinquennio sabbatico imposto dalla legge elettorale per il Comune a chi ha svolto due mandati consecutivi. In attesa di tornare in pista, Federico, l’avvocato fondatore del network Telecapri, non ha rinunciato al consiglio comunale, in compenso è riuscito a litigare col suo successore, cioè quel Ciro Lembo che, prima era stato un suo grande elettore e uomo forte delle sue giunte. Lembo resse il municipio che s’affaccia sulla piazzetta quando Federico fu costretto momentaneamente a lasciare per una condanna in primo grado (poi definitivamente cancellata). Quando l’appello rovesciò il vedetto, il vicesindaco tornò rispettosamente nei ranghi. Sembrava, dunque, la persona più adatta a gestire l’interregno. Ma Lembo dimostrò subito forte autonomia rispetto al suo sponsor. Quest’ultimo, dal canto suo, non nascondeva una certa insofferenza per il delfino diventato ormai re. E così la rottura si cosumò platelamente il 4 gennaio 2005 (pare che Lembo vorrebbe istituire addirittura una ricorrenza cittadina) poco meno di un anno dall’avvio della consiliatura che si sta concludendo. Federico fu costretto a uscire dal gruppo di maggioranza che ospita anche un altro suo storico alleato, ancora un Lembo (ma non è l’ultimo di questa storia), cioè il vicesindaco Marino. Ora i sostenitori del sindaco in carica fanno quadrato e lo ripropongono col sostegno della lista «Capri ai capresi » nella quale ha deciso di cimentarsi anche il re delle boutique Roberto Russo. Federico non demorde e contrattacca guidando in battaglia la lista «Capresi per Capri», piena di esordienti. Ma le prossime comunali capresi non si ridurranno solo al duello all’ultimo sangue (come spesso accade quando finisce un grande amore volano gli stracci) tra i due ex alleati. Della partita è anche un altro Lembo (e siamo a tre): Marzio che guida la «Lista per Capri ». Quest’ultimo, perfettamente calato nel ruolo di oppositore storico sia di Federico che del primo cittadino uscente, rappresenta la classica terza via. Grandi ritorni anche nell’altro centro dell’isola. In realtà, Franco Cerrotta, dicono i maligni, la poltrona di primo cittadino non l’ha mai mollata del tutto. Anche se, in realtà, cinque anni fa, per forza di cose, ha dovuto lasciare il posto all’imprenditore dei trasporti Mario Staiano, riservando per sè la seconda poltrona, quella di vicesindaco. Ora Staiano ha deciso di lasciare. Ed è di nuovo Cerrota il portabandiera della «Lista Anacapri». Ancora una rentree, stavolta per interposta persona. Nella battaglia per conquistare l’altra metà dell’isola più famosa del mondo scende in campo anche un altro ex primo cittadino, Fausto Arcucci, costretto a uscire dalla politica da una vicenda giudiziaria che lo coinvolse molti anni fa. Il professionista, ancora abbastanza popolare tra i suoi concittadini, manda avanti il figlio Gennaro a rinvigorire la lista «Rinascita anacaprese», che viene guidata da Antonino De Turris.