META, DOMENICA IN PIAZZA PER CARLO SASSI E I CANDIDATI DI UNITI PER META: “ECCO COSA FAREMO DURANTE I PRIMI CENTO GIORNI”

0

Meta. Distribuzione di centinaia di copie del programma elettorale con le cose da fare durante i primi cento giorni della nuova amministrazione. Esposizione dei grafici del progetto di pedonalizzazione di piazza Santa Maria del Lauro e del rifacimento di piazza Vittorio Veneto, con annesso parcheggio sotterraneo da realizzare. Consegna di centinaia di volantini per informare la cittadinanza dell’incremento della Tarsu del 33% e delle spese per la ripavimentazione di via Angelo Cosenza, che per metà dovevano essere coperte dalla Seteap e invece sono state interamente corrisposte dall’amministrazione comunale in carica. E’ stata una domenica intensa quella del candidato sindaco di Meta Carlo Sassi, che insieme ai candidati al consiglio comunale della lista ‘Uniti per Meta’, la lista che sostiene l’ex primo cittadino, ha trascorso l’intera mattinata in piazza Santa Maria del Lauro per incontrare i cittadini e discutere con loro di progetti e idee per il futuro di Meta. Almeno cinquecento persone si sono fermate per discutere coi candidati, ricevere il pieghevole del programma dei primi cento giorni, visionare e commentare i progetti. Tra i punti programmatici che Sassi intende realizzare nei primissimi mesi del suo mandato di sindaco, si segnalano l’inizio dei lavori di manutenzione dei balconi e delle facciate delle case popolari della cosiddetta ‘zona dei terremotati’, che necessitano di interventi urgenti, e i lavori di completamento del bocciodromo della casa di riposo, al momento non perfettamente fruibile perché esposto alle intemperie. “Centinaia di cittadini metesi hanno apprezzato la qualità e la fattibilità dei progetti che abbiamo messo in campo per Meta, e la chiarezza del programma che abbiamo distribuito”, afferma Sassi. “Abbiamo raccolto numerosissime proteste – aggiunge – per l’incremento della tassa sui rifiuti, un aumento sproporzionato deciso dall’amministrazione uscente, di molto superiore a quanto previsto dagli aggiornamenti della normativa”.

 

Lascia una risposta