POSITANO, IL COMUNE DIMENTICA IL 118. QUANDO I SOLDI SONO SPESI MALISSIMO

0

Sui lavori pubblici a Positano e  in Costiera amalfitana da criticare potremmo fare un libro. Ci siamo abituati,  ma non possiamo non gridare allo scandalo quando un lavoro pubblico può mettere a rischio la vita e depistare cittadini e turisti. I nostri lettori in anonimo (vedi guest book) ci avevano avvisato della presenza a Positano di cartelli che portano sui sentieri montani, che vanno ad Amalfi, Praiano , Agerola, Sorrento, insomma verso la Penisola Sorrentina, i Monti Lattari, in passeggiate splendide, straordinarie, ma isolate. Dove può capitare qualcosa e avere urgenza di chiamare qualcuno con il telefono visto che le montagne non sempre è facile trovare gente o soccorsi. Per ogni soccorso, e non ci stancheremo di dirlo, bisogna chiamare il 118. Il 118 è il numero con il quale vengono organizzati i soccorsi e solo questo bisogna chiamare, non chiamare la Croce Rossa che è un’associazione che fornisce volontari,  nè andare nella delegazione della Croce Rossa, che sia a Positano o a Pollena Trocchia. Si può solo perdere tempo vitale o ritardare i soccorsi, con il rischio di peggiorare la situazione,  come è avvenuto nel caso di Luca Mazzacano che ha perso forse quasi un’ora che avrebbe risparmiato raggiungendo l’ospedale da solo o facendo chiamare subito il 118. Ma i cartelli, proprio a Montepertuso dove è avvenuto il caso di Mazzacano, indicavano che il Pronto Soccorso è 089811912 riferendo di fatto che il Pronto Soccorso si trova alla delegazione della Croce Rossa! O inducendo in ogni caso in errore, quel numero non è il Pronto Soccorso e corrisponde alla Croce Rossa di Positano. Che sono degli encomiabili volontari, ma dei volontari! Non medici d’emergenza! Su cartelli che partono per sentieri, uno a Fiume Valle Posso ed un altro verso Monte Gamero “O Pertuso”; si indica di chiamare  089811912 che viene indicato come Pronto Soccorso, senza indicare il 118 e creando dei falsi presupposti visto che non c’è a Positano il Pronto Soccorso,  ma lo sa il Comune o il Parco dei Monti Lattari cosa dicono? Intanto vi è responsabilità di entrambi perchè vi sono i loro nomi Comune di Positano città Romantica e Parco dei Monti Lattari. Mentre si denunciano i medici per le loro interviste, non si denunciano queste situazioni e anzi si paga addirittura per lavori con indicazioni deficienti. E la delegazione della Croce Rossa perchè non chiede immediatamente di rimuovere questi cartelli? Vogliamo un altro caso Mazzacano? In questo modo i turisti hanno la falsa idea che a Positano c’è un Pronto Soccorso e che questo si attivi chiamando allo 089811912.  Una testata giornalistica privata, senza un centesimo di soldi pubblici, deve fare informazione, e chi viene premiato e pagato  non si limita a non dare informazioni, che sarebbe il male minore, ma le da sbagliate creando i presupposti per gravi danni.  Questi cartelli sono pericolosissimi. Vanno tolti.  Eravamo diffidenti verso i messaggi sul guest book. Troppo spesso diventano uno sfogo per critiche fatte tanto per fare, ma a volte sono supportate da fatti reali. Ora chiediamo ai nostri lettori di mandarci le foto di tutti i cartelli che non hanno il numero 118 e solo quello per le emergenze sanitarie. Inviateceli a direttore@positanonews.it. TOGLIETE QUEI CARTELLI

Michele Cinque