COSTIERA AMALFITANA, LEMBO CON L´UDC. SONO TRE I SINDACI IN CORSA PER SALERNO

0

Giuseppe Lembo sindaco di Minori si candida con l’ Udc di Casini, ha confidato a Positanonews che lo  incontrerà questa sera a Salerno. Una candidatura forte e significativa, con lui sono tre i sindaci della Amalfi Coast in campo per le provinciali di Salerno il sindaco di Positano ed il sindaco di Amalfi, senza contare il vicesindaco di Ravello Salvatore Di Martino. “Ho quindici anni si esperienza amministrativa che ho dato al mio paese – dice Lembo a Positanonews -, impegno che ho portato avanti con dedizione e amore, questa esperienza voglio portarla anche a livello comprensoriale e comunque continuare a servire la gente se questo mi viene chiesto.”  Con Lembo Minori si ritrova ad avere due candidati forti, oltre Fulvio Mormile, che ha presentato con buoni riscontri la sua candidatura, con l’ Mpa, che ha nel consigliere regionale Salvatore Gagliano, già sindaco di Praiano, il referente sul territorio, ora anche il sindaco in carica Giuseppe Lembo, che è molto conosciuto in tutto il circondario non solo per le sue attività politiche, intanto il parterre dei candidati alle amministrative si fa ancora più folto ed agguerrito, sono in venti i candidati e difficile trovare spazi per tutti. “La Costiera Amalfitana non riesce a trovare un rappresentante sovracomprensoriale – dice Lembo -, siamo troppo frammentati. Non riusciamo a far sentire la nostra voce, dovremmo essere maggiormente uniti e avere una visione comune della politica nell’interesse del bene comune.” Medici, avvocati, imprenditori, commercialisti, farmacisti, promotori finanziari, critici d´arte, impiegati. dunque è un vero e proprio boom di aspiranti consiglieri che, probabilmente, alimenterá ancor di più l´incertezza negli elettori con la dispersione del voto che sicuramente sará uno degli effetti principali di questa miriade di liste. • Tale dispersione potrebbe anche privare, e non sarebbe la prima volta, il comprensorio amalfitano di un proprio rappresentante a Palazzo Sant´Agostino. Fino ad ora, infatti, tra candidati ufficiali e in pectore, sono giá una ventina i pretendenti ad uno scranno in seno al Consiglio provinciale. Tra questi spicca certamente Vittorio Sgarbi, che la Democrazia cristiana di Rotondi ha deciso di schierare in Costiera amalfitana o a Paestum nel Cilento (ma mentre la Democrazia Cristiana lo annuncia ufficialmente, come anticipato da Positanonews, da almeno un mese, lo stesso Sgarbi, come anche altri dati comunque per certi,  non ha ancora firmato). Sgarbi dovrá “combattere” con tre sindaci oltre Lembo e, precisamente, Domenico Marrone (Sinistra democratica) e Antonio De Luca (Pd), rispettivamente primi cittadini di Amalfi e Positano. Proprio l´antica Repubblica marinara è la cittadina della Costiera che, per ora, con quattro esponenti, vanta il maggior numero di candidati. Perché oltre a De Luca si schiereranno ai nastri di partenza pure il consigliere di minoranza Matteo Bottone (Nuovo Psi), Mario Ricciardiello (Alternativa Comunista) e Andrea Cretella (Alleanza per le Libertá). • A Ravello, che primeggia però per candidati per numero di votanti (tre per meno di 2000 voti)  vi sará uno scontro tra maggioranza e opposizione, in quanto si troveranno l´uno di fronte all´altra il vice sindaco Salvatore Di Martino (Villani presidente) e Ulisse Di Palma (Pdl), che hanno giá cominciato le scaramucce a suon di manifesti. Ravello esprime anche un terzo candidato che, fino ad ora, ha preferito una campagna elettorale “low-profile”: Gerardo Russo (Italia dei valori). • Di Positano sono i rappresentanti di Democrazia federalista e Alleanza di Centro per la Liberta: Francesco Fusco e Giuseppe Fusco, il primo per la minoranza consiliare, il secondo per il gruppo staccatosi da Marrone di Positano, Giovane e Libera. • Fulvio Mormile è il candidato dell´Mpa che per prima  ha aperto ufficialmente la campagna elettorale con un incontro con gli elettori al comune di Minori, e ora, anche se alcuni non se lo aspettavano,  Giuseppe Lembo, con l´Udc. Nella vicina Maiori, invece, per ora sono solo due gli aspiranti consiglieri e, precisamente, Chiara Gambardella, per il movimento della Santanchè, e Antonio Milo (Udeur), l’unico grande centro dove non c’è rappresentanza della Giunta fra i candidati, mentre Praiano è l’unico paese al di sopra dei mille votanti che non ha candidati ed è terra “vergine”• A Cetara, infine, la griglia di partenza dovrebbe comprendere Casimiro Di Crescenzo (Popolari per Villani) e Gaetano D´Emma (Alleanza per Cirielli) salvo sorprese questo deve essere il quadro anticipato da Positanonews.

Michele Cinque