POSITANO, A SORRENTO IN OSPEDALE NON VOGLIONO I POSITANESI

0

“A Sorrento in ospedale non ci vogliono”. Una denuncia arrivata a Positanonews, la testata della Costiera Amalfitana e Penisola Sorrentina, dopo che domenica sera c’è stato quasi uno scontro al pronto soccorso. “Siamo entrati in pronto soccorso e ci ha accolto una persona che ha detto ora basta sto solo lavorando con i positanesi, questo ospedale fa riferimento alla Penisola Sorrentina, ma che significa questo?”. Un momento di esasperazione (infatti abbiamo appurato che nell’ospedale di Sorrento vi è sempre una accoglienza e professionalità di alto livello, anche se chi ha detto questa cosa è una persona qualificata) che però denota un problema reale, Positano rientra nella costa d’ Amalfi burocraticamente, ma arrivare all’ospedale di Castiglione di Ravello, che è solo un PSA, diventa sempre problematico sia perchè è lontanto, sia per il traffico, ora anche per la chiusura a singhiozzo della strada; sia Sorrento, ma anche Vico Equense sono più vicini, inoltre dal PSA ci si stabilizza poi si viene trasferiti chissà dove, spesso nel Cilento. Già anni fa proponemmo un’asl  turistica di cui facesse parte Positano e Praiano con la Penisola Sorrentina e Capri, intanto per l’emergenza si dovrebbe far un protocollo per andare “sempre” a Sorrento. E’ una questione non solo di disagio per i malati e la famiglia, ma anche di vita o di morte, perchè non sempre i medici sono in grado, per la scarsità di attrezzature a disposizione, di individuare con esattezza se si tratta di un pericolo gravissimo. Dunque meglio trovarsi subito in una struttura ospedaliera facilmente raggiungibile in metà tempo da Castiglione. Dati alla mano.
Speriamo di essere ascoltati.