MINORI COSTA D´ AMALFI, OGGI CONCLUDE IL CREATIVITY DAY

0

“Vogliamo comunicare realmente, cosa difficile oggi, molti si dicono le cose su internet o sui blog, ma non si guardano in faccia”. Positanonews, quotidiano online  della Costiera Amalfitana, è arrivata in ritardo, ma non tanto per non incontrare alcuni organizzatori, diverse idee politiche, diverse estrazioni sociali, ma una idea in comune “fare qualcosa per il vivere insieme, per comunicare, fare arte come comunicazione”  Si concluderá oggi “Creativity Day”, Giornata dell’arte e della creativitá studentesca. • Un’iniziativa che è nata dalla mobilitazione degli studenti del liceo “E. Marini”, dell’Isis “P. Comite” e dell’Istituto tecnico turistico “Flavio Gioia” di Amalfi, con il patrocinio del Comune e dalla Pro loco di Minori. Sul palco allestito sulla spiaggia si esibiranno alcuni gruppi emergenti, mentre come contorno all’iniziativa sono stati organizzati tornei di calcio a 5 e di beach volley. • Il progetto, come sottolineano gli organizzatori, «vuole offrire, attraverso alcune conferenze e dibattiti su temi importanti, la possibilitá a studenti e studentesse di migliorare le loro modalitá comunicative, quindi il relazionarsi, l’ascoltare, e comprendere l’importanza di ciò che li circonda. La Giornata dell’arte e della creativitá studentesca si propone come una spinta o un’occasione d’incontro per i ragazzi del territorio verso tutte le attivitá artistiche, musicali, teatrali, culturali e creative». • Nel corso dei due giorni della manifestazione, infatti, si sono affrontati anche temi di scottante attualitá, come il rispetto e la tutela dell’ambiente, la libertá e il mondo del lavoro. • L’evento oltre ad essere una vetrina della creativitá degli studenti del territorio, si pone lo scopo di valorizzare quest’ultimo. • «Ma fare una festa non vuol dire dimenticare il dramma di un popolo – in ricordo di quanti che hanno lasciato i loro sogni sotto le macerie», questo il pensiero dell’organizzazione che vede nella memoria l’unica via per omaggiare le vittime della tragedia abruzzese.

Lascia una risposta