Vico Equense – Per una libera balneazione

0

Vico Equense – Spiagge libere pulite ed attrezzate. I cittadini di Vico Equense – si legge in un comunicato del coordinamento PD – nel corso degli anni, hanno visto progressivamente eroso il proprio diritto a fruire delle spiagge del Comune. Gli stabilimenti balneari, pagando cifre irrisorie, impediscono qualsiasi accesso ai bagnanti, nonostante la finanziaria 2007 di Prodi ha ribadito che non può essere impedito l’accesso alla costa. Sulle spiagge libere, in pratica le Postali, il Pezzolo e le Calcare, i chioschi hanno creato mini stabilimenti balneari. L’amministrazione comunale sta per decidere per il 2009 l’utilizzo delle spiagge. Il PD ritiene che vada salvaguardata la possibilità della libera balneazione nelle spiagge pubbliche, garantendo a tutti servizi dignitosi, come avviene in tutti i paesi europei, e chiede al Sindaco e all’Amministrazione: la pulizia, disinfestazione e sistemazione delle spiagge libere prima dell’inizio della stagione balneare, programmando interventi periodici durante l’Estate; il ripristino della fontanella alla Marina d’Equa; l’eliminazione delle barriere architettoniche per i portatori di handicap, e il ripristino del passaggio alla foce del Rivo d’Arco e la spiaggia del Pezzolo, chiuso per il rischio crollo di un muro di proprietà privata. Di passare ad una gestione diretta da parte del Comune delle spiagge in Concessione dello stesso, dati i buoni risultati della sperimentazione effettuata nell’estate 2007; nel caso di assegnazione della gestione ai Chioschi, gli stessi dovranno dare tutte le garanzie necessarie perché non si verifichino incresciosi episodi, come l’espulsione dei residenti (a tariffa ridotta) e mantenendo la possibilità di installazione di ombrelloni e sdraio solo ed esclusivamente su richiesta e senza impedire l’accesso libero all’area; qualsiasi forma di gestione dovrà assicurare sull’intera area in Concessione al Comune, la pulizia, il salvamento, l’assistenza di primo soccorso, i servizi igienici e le docce; di chiedere alla Circumvesuviana di realizzare corse dirette dalle frazioni alle spiagge. Già da oggi – conclude – il PD invita l’Amministrazione Comunale a sperimentare per il 2010 nuove forme di gestione delle spiagge, con l’affidamento, tramite gara, a cooperative di servizi che diano anche una possibilità occupazionale ai giovani di Vico Equense. (www.vicoequenseonline.blogspot.com)


inserito da A. Cinque