RAVELLO, SABATO PRESENTAZIONE DEL FESTIVAL CON BASSOLINO

0

 Il Governatore della Regione Campania Antonio Bassolino sarà alla conferenza stampa di presentazione dell’edizione 2009 del Ravello Festival, fatta in occasione del banchmarking dei Festival d’Italia presenti nella Città della Musica in Costiera Amalfitana, è stata spostata a  Sabato 25 aprile ore 15.00 presso l’Hotel Caruso (Piazza
San Giovanni del Toro, 2 Ravello).Il Ravello Festival al momento è l’unica manifestazione certa in costa d’ Amalfi, anche se assicurazioni sembrano esservi state per gli altri due eventi di rilievo Scala incontra New York a fine agosto ed il Premio Danza Positano a inizio settembre. Il Ravello Festival inizierà il 26 giugno e si concluderà il 27
settembre l’edizione 2009, la prima firmata dal nuovo Direttore generale Stefano
Valanzuolo. Con il tema del Coraggio, si conferma il paradigma del Festival e si fonde
con il mood di Ravello in una rinnovata armonia fra forma e contenuti, testo e
contesto. Raffinatezza,
solarità, eccellenza dei contenuti, perfezione organizzativa, armonia, sorpresa,
esclusività, creatività, tolleranza e soavità sono, ancora una volta, le parole chiave dei
novanta giorni ravellesi.Nuovi talenti e
artisti di fama consolidata, grandi letterati e scienziati prestigiosi
gareggeranno per esplorare il tema del Coraggio nel corso di cento appuntamenti,
intesi come altrettanti punti di vista. La proposta spazierà, come negli anni
scorsi, tra ambiti culturali diversi, articolandosi in otto sezioni destinate ad
accogliere eventi di musica sinfonica, cameristica, danza, arti visive, cinema,
letteratura e scienze, design e – per la prima volta – anche teatro.

Ai luoghi tradizionali in Villa Rufolo si
aggiungono “palcoscenici” esterni come Piazza Duomo, Villa Cimbrone, i Giardini
della Principessa per gli incontri dedicati alla letteratura e alla
scienza.

Continua
Per quanto concerne la Sinfonica, uno sguardo
particolare al grande repertorio soprattutto russo, da Shostakovich a
Rachmaninov, sarà consentito dalla presenza di direttori e solisti del valore di
Jeffrey Tate, Marc Albrecht, Lars Vogt e Ivo
Pogorelich.Inevitabile, poi, l’attenzione alla musica di Wagner,
visitatore illustre di Ravello nell’Ottocento e nume tutelare della
manifestazione. Molte orchestre di consolidata fama e complessi giovanili
assicureranno al Ravello Festival il fascino delle grandi occasioni. Si conferma
la tradizione del concerto all’alba del 10 agosto.Per la Musica da
Camera da sottolineare un affascinante Concerto del Plenilunio con
il Leupold Trio, quindi i recital di
Roberto Cominati (già vincitore del
“Busoni”) e del soprano Carmela Remigio,
accompagnata al pianoforte da Leone
Magiera.Ma il tema del Coraggio sarà esplorato anche nella Sezione
CineMusic diretta da
Lina Wertmuller (illuminata dalla presenza di Michael Nyman, autore di celebri musiche da
film), in quella di Arti
Visive, diretta da Achille Bonito Oliva, con la sorprendente mostra
“Madre Coraggio”, e nella sezione VideoClip. Una grande
retrospettiva di Richard Ginori renderà
preziosa la sezione del Design, diretta da Claudio Gambardella.Per gli appassionati
della Danza un
evento d’eccezione: per la prima volta una retrospettiva mette insieme i grandi
capolavori del XX secolo firmati dai maggiori coreografi dell’epoca, da Massine
a Bejart. A dare forma a questo dittico esclusivo saranno i primi ballerini dei
principali teatri del mondo. I protagonisti della grande letteratura italiana e
straniera e i finalisti del Premio
Campiello si alterneranno con astrofisici, neurofisiologi e psicanalisti
per esplorare il coraggio e la paura dal micro-universo dell’animo umano al
macro-universo delle galassie. Tra gli ospiti annunciati, David Grossman e Claudio Magris. Ricco programma anche per i ragazzi e i giovani,
protagonisti di due appuntamenti sul Belvedere e di una grande festa
notturna.Ancora qualche anticipazione dal ricco programma 2009. Citiamo
almeno l’inedito duetto formato da due jazzisti illustri come Chick Corea e Stefano Bollani; un omaggio di Gioele Dix a Giorgio Gaber; il recital di
canzoni napoletane sul Coraggio affidato a Massimo Ranieri; quindi un ciclo di
manifestazioni su Edward Morgan Forster (con la lettura di “Storia di un panico”
affidata a Elio Pandolfi) e la maratona
di pianoforte solo destinata a far scoprire molti giovani talenti del repertorio
di frontiera.Molte le collaborazioni con nuovi e vecchi partner: con Rai Trade, il Ravello Festival firma a due mani
alcuni concerti sotto il marchio “Melò around the world” e
ospita i benchmarking con i
sovrintendenti dei principali teatri europei. Con Euroarts e ARTE
si consolida la partnership inaugurata nella scorsa stagione e, infine,
con l’Accademia Chigiana di Siena
continua il fortunato sodalizio cameristico.Manuela Rafaiani – Direttore
ComunicazioneNicola Mansi – Ufficio
Stampa