MINORI – COMUNICATO POLITICO N°1 (COMITATO LISTA CIVICA DEL NULLA)

0

COMUNICATO POLITICO N° 1


“Il Nulla, da problema a soluzione”


 


William Sheakspeare avrebbe detto “molto rumore per Nulla”, o meglio in lingua originale: “much ado about nothing”, (titolo di una sua nota commedia scritta proprio in Italia tra 1598 e 1599), ed in effetti, è esattamente ciò che ci racconta la storia. La preferenza che fuoriuscirà dalle urne, dopo molto rumore, si trasformerà nella solita grossa nube di nulla. E non a caso usiamo la “n” minuscola. Purtroppo, senza uno scatto di improvviso coraggio, si riproporrà il solito nulla: inutile e dannoso.


Nel romanzo di Michael Ende “La storia infinita”, un’entità fluida e malevole avanza inesorabile per inghiottire il regno di Fantàsia; nel famoso, omonimo, film tratto dal romanzo, l’inviato Mork così racconta ciò che vede: “Fantàsia muore perché la gente ha rinunciato a sperare, e dimentica i propri sogni, così Il nulla dilaga, poiché esso è la disperazione che ci circonda. Io ho fatto in modo di aiutarlo, poiché è più facile comandare chi non crede in niente”.


Si riciclerà il consueto nulla che annebbia le coscienze fino ad annullarne lo spirito critico o, peggio ancora, le inganna poiché diventa nascondiglio di tutto ciò che è bene che non si sappia. Poiché il nulla è pure capace di contenere il tutto, e di conoscere tutte le risposte. Lo sapeva bene Eduardo De Filippo che in “Natale in casa Cupiello”, nel pieno del dramma familiare, allorquando il padre prende coscienza del dramma familiare che lo investe e chiede alla moglie spiegazioni, così la interroga:


“Cuncè ma ch’è stato ?”


“Niente Lucariè, niente !”


Perché Concetta sapeva, ma era Luca che non doveva sapere, allora gli da in pasto il niente. Il nulla, appunto. Un nulla tanto prezioso quanto fazioso, minaccioso e strategico. Così ci hanno fatto ingoiare per anni, questo “niente”, spacciandocelo per tutto; battezzandoci  come tanti ingenui Lucarielli.


Dalla consapevolezza che oramai il nulla è irrimediabilmente intorno a noi, sopra e dentro di noi, siamo pronti a farne una ragione sociale e politica. Ma se nulla deve essere, vogliamo riappropriarci del vero Nulla. Quello originale. Con la “N” maiuscola. Siamo pronti ad appropriarci la paternità e la responsabilità di riportare in questo brandello di società il Nulla virtuoso. Una  preziosa quanto impegnativa rivendicazione poiché del Nulla si occupano le società civili, gran parte delle religioni, ne discutevano i filosofi greci e si accapigliano i matematici moderni, la quasi totalità delle scienze sociali ed economiche a Nulla pongono rimedio.


Il Nulla metafisico ha ispirato la migliore arte del secolo scorso, e quando si credeva di aver sconfitto il Nulla, questi si è riappropriato di gran parte della cultura contemporanea, informandone la produzione letteraria, politica e, nuovamente, artistica.


“Nelle correnti filosofiche, nei moti rivoluzionari od ideologici, nei romanzi, nelle poesie, nelle rappresentazioni teatrali e finanche nelle canzonette; davanti o dietro le parole, sotto o sopra le righe, tra un puntino sospensivo e l’altro, c’è sempre qualcosa che accenna a nulla”


Davanti all’invasione puntuale di nullità che dopo aver regnato ininterrottamente alcuni decenni, è stata elevata a scelta programmatica e strategica, è tempo di ridare la giusta dignità al Nulla.


Perché restituito al suo vero valore, il Nulla da problema diventa soluzione.


 “Il Nulla diventa una regione sconfinata entro cui celare le nostre speranze, i nostri inconfessabili desideri, le nostre insondabili paure. Nel Nulla svaniscono i sogni, i grandi amori e gli ideali; dal Nulla le nostre origini, nel Nulla la nostra fine. (…) Anche certe idee geniali, l’innamoramento, la follia, il male oscuro sembrano scaturire dal Nulla. (…)”.


Noi siamo il Nulla vero, diffidate dalle imitazioni che trovate in giro, sui tabelloni pubblicitari, o raccolti in capannelli agli angoli delle strade. Sappiate riconoscere le diversità. Abbiamo bisogno del vostro sostegno, e da questo ripartiremo, insieme con tutti voi.


 


                                                                                                          Comitato lista civica del Nulla


 


Citazioni in corsivo tratte da: “Il Nulla” di A. Gargiulo (ed. Idee, 1995)


 


Satira  dalla Costiera Amalfitana che riceviamo e pubblichiamo su Positanonews  per la sua originalità