RAVELLO, PISTOLA E COLTELLI IN AUTO VIGILI DENUNCIANO POLIZIOTTO

0

Ravello. Nascondeva, nella sua autovettura, una pistola con la matricola abrasa e due coltelli. E, per questo motivo, un poliziotto G.A. originario di Bracigliano è stato denunciato a piede libero. A scoprire il contenuto della vettura sono stati gli uomini della polizia municipale di Ravello, in Costiera Amalfitana, diretti dal comandante Francesco Sodano. I vigili urbani, infatti, hanno rinvenuto una pistola scacciacane con un colpo in canna ed altri nel caricatore. • Hanno rinvenuto inoltre 2 coltelli serramanico del tipo vietato e una paletta ministeriale contraffatta. La scoperta è avvenuta in seguito alla rimozione dell’automobile del poliziotto, parcheggiata, nel giorno di Pasquetta, in sosta vietata. Quello che sembrava un semplice intervento di routine, invece, si è trasformato in un vero e proprio colpo di scena. Perché, proprio mentre gli agenti erano intenti a catalogare cosa contenesse l’automobile rimossa con il carro attrezzi, così come prescrive la legge, è spuntata, dal vano portaoggetti, la clamorosa quanto inattesa sorpresa. Immediatamente è stato dato l’allarme e i caschi bianchi, in collaborazione con i carabinieri della stazione locale, hanno cominciato ad effettuare tutte le ricerche per risalire a chi fosse intestata la vettura. E, soprattutto, l’attivitá investigativa si è concentrata sulla circostanza se dietro la scoperta potesse essere celato anche qualche altro mistero, ovvero se il ritrovamento potesse essere collegato a situazioni più gravi. Con grande stupore, in seguito ai controlli, gli investigatori hanno potuto appurare, però, come il veicolo che conteneva il revolver, fosse di proprietá di appartenete alle forze dell’ordine, originario della provincia di Salerno ma in servizio, da qualche anno, in Toscana. • Perciò, quando l’uomo è andato a ritirare la propria autovettura, è stato “dirottato” nella caserma dei carabinieri. I militari dell’Arma di Amalfi  hanno sottoposto il collega ad una fila di domande e, in particolar modo, gli avrebbero chiesto come mai custodisse una pistola non d’ordinanza e neppure dichiarata, i coltelli e la paletta. • Il poliziotto tempo fa è stato assolto dall’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e allo spaccio di stupefacenti. La Città di Salerno