Napoli. Museo di Capodimonte. Julian Schnabel. Untitled (Chinese Paintings).

0

Nove tele ‘cinesi’ di Julian Schnabel

A Napoli nove tele ‘cinesi’ di Julian Schnabel.

La mostra sarà ospitata dal museo di Capodimonte dal 2 luglio al 6 settembre 2009 ed è realizzata da Marco Voena in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico, Etnoantropologico e per il Polo Museale della Ciittà di Napoli.

In Italia per la prima volta arrivano le nove grandi tele dell’artista e regista americano appartenenti alla serie Chinese Paintings. Dipinte partendo da un’immagine comune, un vecchio specchio cinese, attraverso l’uso di inchiostri, resine e olio, attraverso di esse Schnabel esprime una mutevole dimensione poetica e onirica. “E’ una fortunata coincidenza che il motivo di questa immagine derivi da uno specchio cinese che trovai venti anni fa e regalai alla mia ex-moglie Jacqueline; uno dei tanti supporti che ho dovuto estrarre per inventare altre versioni di me stesso in un’immagine di quadri che cambia costantemente, come un diario”, scrive l’artista. Nelle tele, che a uno sguardo sfuggevole appaiono uguali l’una all’altra per l’immagine che sembra ripetuta in modo seriale e quasi ossessivo, la bellezza è resa mutevole e mai uguale a sé stessa.

Questa nuova serie prende spunto da alcune opere dello stesso soggetto realizzate nel 2005 ed esposte a Londra. Julian Schnabel, nato a New York nel 1951, è considerato uno dei fondatori della corrente pittorica del Neo-Epressionismo. La mostra allestita nella “Sala Raffaello Causa” del prestigioso museo partenopeo ha avuto, come prima sede espositiva, i nuovi locali del Saatchi Museum a Londra.