PRAIANO CONTRO AMALFI, VERGOGNOSO CAMBIARE L´ORDINANZA SUI BUS TURISTICI

0

Il sindaco di Praiano Gennaro Amendola, come il sindaco di Positano Domenico Marrone ed il sindaco di Cetara Secondo Squizzato, con gli altri sindaci della Costiera Amalfitana, da Ravello a Minori e Atrani, che firmarono un accordo in tal senso con la provincia di Salerno,  prende posizione contro la modifica dell’ordinanza di divieto ai bus turistici contestata dai commercianti amalfitani, con una comunicazione che invia a tutti gli enti. Facendo seguito al Vs. fax Prot. N. 074, circa la proposta di deroga all’ordinanza n.209/2008 adottata dall’ANAS s.p.a. riguardante le limitazioni alla circolazione veicolare sullaSS163 Amalfitana, esprimo la mia assoluta contrarietà alla suddetta proposta di deroga.Ritengo sia vergognoso tutto quello che sta accadendo; non si può pensare di mettere indiscussione un atto adottato all’unanimità da tutti i sindaci della Costa d’Amalfi dopo ben 5 anni didura lotta.Credo sia giunta l’ora che i cittadini della Costa d’Amalfi sappiano che, oltre al dannoderivante dai disagi sopportati a causa del transito quotidiano dei bus turistici, bisogna aggiungerela beffa, in quanto i costi del servizio degli ausiliari alla viabilità, istituito dalla Provincia di Salernosono a carico di tutti i contribuenti e i fondi utilizzati per tale servizio potrebbero avere destinazioniforse più utili (politiche sociali, politiche giovanili, promozione turistica, ecc.).Ritengo giusto sottolineare, inoltre, che in altre realtà turistiche sono stati istituiti tickets peril transito dei bus turistici e sono previste limitazioni più severe riguardanti sia le dimensioni (9 mt.)sia il numero quotidiano degli accessi.In ultimo faccio notare che il sistema adottato dall’ANAS per il rilascio delle deroghe altransito, non prevedendo alcuna comunicazione ai Comuni, rende particolarmente difficoltoso icontrolli da parte dei Comandi di Polizia Locale.L’occasione mi è gradita per porgere i miei più cordiali saluti.Gennaro AmendolaSindaco di Praiano

Lascia una risposta