COSTIERA AMALFITANA, APPROVATO IL BILANCIO A CETARA

0

Cetara, Costiera Amalfitana.  Approvato il bilancio di previsione 2009 Con nove voti favorevoli, un astenuto e due voti contrari, il Consiglio Comunale di Cetara nella costa d’ Amalfi in provincia di Salerno nella seduta del 18 marzo ha approvato il bilancio di previsione 2009 e i provvedimenti connessi. Grande soddisfazione è stata espressa dal sindaco, Secondo Squizzato, che ha evidenziato come per la prima volta nella storia del Comune l’importante documento contabile sia stato sottoposto con il massimo livello di approfondimento e con largo anticipo all’esame della commissione economia, presieduta dal consigliere di maggioranza Roberto Della Monica. Il consiglio Comunale ha inoltre accolto le osservazioni e i suggerimenti della commissione. Nonostante le incertezze derivanti dalle scelte governative in materia di trasferimenti di risorse (rimborso dell’ICI sull’abitazione principale, iscrizioni convenzionali di risorse ancora da ottenere dal Ministero e connesse difficoltà di cassa nella gestione dell’Ente), l’Amministrazione comunale ha lasciato inalterate e, in qualche caso incrementato, le spese per interventi nel campo sociale e della promozione del turismo e della cultura. Il bilancio in parte corrente evidenzia comunque una riduzione del 4% delle spese previste; una riduzione con scelte di contenimento dei costi e miglioramento dell’efficienza. Nel campo delle entrate extratributarie, l’Amministrazione comunale pur continuando a riconoscere il cosiddetto ‘diportismo sociale’, ha previsto maggiori entrate dalla gestione dei pontili per il diporto, servizio affidato alla società in house Cetara Servizi e Sviluppo. “In un periodo di grandi difficoltà economiche – ha evidenziato il sindaco – ci è sembrato ragionevole chiedere un maggiore sacrificio a chi, con la proprietà di un’imbarcazione da diporto, manifesta una maggiore capacità contributiva.” E’ stata infatti deliberata la riduzione dello sconto (dal 50 al 35% rispetto alla tariffa standard) che verrà riservato ai soli residenti proprietari di imbarcazione di lunghezza inferiore ai nove metri. Importante il capitolo delle opere pubbliche programmate o in esecuzione. Mentre proseguono i lavori di restauro della Torre Vicereale, nel primo semestre è previsto l’avvio dei lavori di ampliamento del cimitero (realizzazione di circa 200 loculi), la prosecuzione del programma di miglioramento dei vicoli comunali, importanti interventi per l’arredo urbano e il decoro del centro storico, miglioramento della sede comunale, impianto di video sorveglianza, potenziamento dei pontili per il diporto estivo, ripristino via vecchia Comunale e potenziamento pubblica illuminazione in località Fuenti. Importanti opere risultano programmate ed avviate a finanziamento. Fra di esse si segnalano: il risanamento idrogeologico del torrente Cetus e dell’affluente laterale (Vallone), per circa un milione e mezzo di Euro, il potenziamento della struttura portuale e il recupero della spiaggia centrale, la riqualificazione ambientale in località Cannillo con realizzazione di parcheggio interrato nell’impianto sportivo esistente, riqualificazione Piazza Vieski e piazza Mercato. Nel corso della stessa seduta è stato altresì modificato il regolamento della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani con la previsione di nuove ipotesi di agevolazioni: del 30% per gli iscritti nell’anagrafe dei residenti all’estero, del 15% nei confronti delle famiglie in condizioni di disagio sociale. “Con tale previsione – ha spiegato il sindaco Secondo Squizzato – di fatto non graverà sulle famiglie disagiate l’aumento tariffario di circa il 17% resosi necessario per raggiungere la copertura al 100% dei costi del servizio, così come previsto dalla legge, ma anche per far fronte all’incremento di costi complessivi del servizio ascrivibili a variabili esterne, non dipendenti dalla volontà dell’ente. E’ il caso dei maggiori costi che sono stati riversati sui comuni in seguito all’attivazione della discarica di Savignano Irpino. Nel contempo il sindaco ha ringraziato i cittadini per l’impegno manifestato con la raccolta differenziata. Il dato medio annuale è di oltre il 46% ed ha permesso al Comune di Cetara di inserirsi fra i comuni virtuosi. “Con la collaborazione di tutti – ha detto il primo cittadino – puntiamo al 50%. Il nostro impegno è quello di ottenere anche la certificazione ambientale (ISO 14001) e collocarci fra i comuni italiani attenti alla qualità dell’ambiente per migliorare lo sviluppo del fenomeno turistico che rappresenta uno dei principali obiettivi della nostra azione amministrativa.” Secondo Squizzato