COPPA UEFA: UDINESE AFFOSSA DETENTORI UEFA

0

UDINE – L’Udinese sconfigge con pieno merito i detentori della Coppa Uefa e ipoteca il passaggio degli ottavi. I bianconeri sono a un passo da un traguardo storico nella loro partecipazione in Europa, i quarti di finale, e se la potranno giocare alla pari a San Pietroburgo contro lo Zenit, tra otto giorni. Il successo e’ stato firmato da Quagliarella e Di Natale, i piu’ bravi di tutti, ma e’ il complesso che merita un plauso, per come ha tenuto il campo, per aver corso per tutti i 90′ e per averci creduto piu’ degli avversari. Il primo tempo e’ stato piacevole e l’Udinese e’ parsa piu’ decisa, ordinata, piu’ veloce dell’avversario, con Quagliarella ispirato tanto da sfiorare in due occasioni il bersaglio. All’11’ i bianconeri impegnano per la prima volta il portiere russo dopo un’ottima combinazione Pepe-Di Natale con tiro al volo di destro di quest’ultimo, parato in tuffo da Malafeev. Poi al 18′ la squadra di Marino va vicinissima al gol con un colpo di testa di Quagliarella che si perde di poco fuori, con Malafeev che non avrebbe potuto opporsi alla conclusione. Al 22′ ancora Quagliarella si esalta, ma la sua conclusione da posizione impossibile fa la barba al palo. Al 32′ lo Zenit effettua il primo tiro verso la porta di Handanovic con Danny, ma la conclusione e’ telefonata. Quagliarella, comunque, continua a impensierire la difesa ospite e al 35′ dal limite spara a rete, ma la conclusione e’ di un metro fuori. Nel secondo tempo la gara diventa avvincente, Zenit e Udinese giocano a tutto campo, le emozioni non si contano. Al 3′ Tymoshuk colpisce la traversa con una bomba da 25 metri. Al 6′ e’ l’Udinese che va vicina al gol con un colpo di testa di Di Natale che, raccoglie una respinta di Malafeev, ma la conclusione e’ out. L’Udinese reagisce e al 24′ usufruisce di un calcio a due in area, ma la conclusione di Domizzi si infrange sulla barriera. Al 28’e’ lo Zenit che va vicino al gol con Zyrynov che, smarcato a Tekke, subentrato a Pogrebnyak, si trova solo davanti a Handanovic, ma il portiere sventa con ottima scelta di tempo. Al 35′ Di Natale fa gridare al gol con una rovesciata in piena area, ma Malafeev sventa da campione. Al 40′ gli sforzi dei bianconeri vengono premiati con il gol di Quagliarella su assist di Pepe che va via sulla destra e lo serve di precisione. Il ”Friuli’ e’ in festa, ma i botti non sono terminati: al 48′ D’Agostino batte una punizione da sinistra in aerea e Shirikov abbraccia Obodo: l’arbitro decreta il rigore trasformato da Di Natale. L’unica nota stonata di casa bianconera e’ l’infortunio occorso nel finale a Coda che lamenta uno stiramento. Un guaio per i bianconeri che dietro hanno gli uomini contati. Ma di cio’ Marino comincera’ a pensare da domani, stasera e’ parso raggiante per una prova dei suoi ragazzi che ha definito impeccabile sotto tutti i punti di vista.






























APPROFONDIMENTI
Champions: fuori tutte le italiane
 
ASSOCIATE
Roma, rabbia Vucinic: come ho potuto sbagliare
Inter: tabu’ Champions e Mourinho divide tifosi
Rugby: 6 nazioni, gli azzurri anti-Galles
Motomondiale senza Gp Ungheria, 17 gare nel 2009
Sci, azzurro Heel vince superG di Aare
 
SPECIALI
Champions: Roma, coppa stregata
 


ansa.it                    inserito da Michele De Lucia


visita il mio blog


http://ilblogdimikidelucia.myblog.it


 

Lascia una risposta