CAMPANIA, OGNI GIORNO 340 DISOCCUPATI IN PIU. 200 MILA A RISCHIO PER IL 2009

0

C’è un dato che al di là delle sensazioni o della stampa fa capire se vi è o meno crisi, ed è la disoccupazione. E questa, purtroppo,c’è. E senza precedenti in Campania rispetto agli ultimi anni.«Ogni giorno, dal primo gennaio scorso, vengono espulsi dal ciclo produttivo campano 340 lavoratori: un dato agghiacciante e senza precedenti. Il guaio è che nei prossimi mesi andrà anche peggio: con i dirigenti dell’Ormel, l’Osservatorio regionale sul mercato occupazionale, abbiamo stimato che entro fine anno saranno almeno in 200 mila a finire in mobilità o cassa integrazione. Il picco più alto ci sarà dopo l’estate. Che tragedia…». Corrado Gabriele, assessore campano alla Formazione e al Lavoro, spiega che dall’inizio del nuovo anno è triplicato il ricorso ai cosiddetti ammortizzatori sociali: «Nei primi 59 giorni del 2009 — riferisce ancora l’esponente di Rifondazione comunista — sono rimasti a casa in più di 20 mila. Che diventano 37 mila se si sommano i residui delle crisi aperte fino al 31 dicembre 2008. Ma già ora posso affermare con certezza che raggiungeremo quota 45 mila lavoratori espulsi dal ciclo produttivo nella seconda decade di questo mese». Oggi, annuncia Gabriele, la giunta di Palazzo Santa Lucia si riunirà e, «su spinta del presidente Bassolino metteremo sul tappeto ulteriori iniziative per arginare questa gravissima emergenza sociale». Un pacchetto di iniziative, confermano dalla sede dell’amministrazione regionale, che renderà operativo e potenzierà il piano di interventi in favore dell’occupazione già attivato qualche settimana fa. «Ossia i 100 milioni di euro — conclude l’assessore al Lavoro — che abbiamo stanziato alcune settimane or sono. Tra quei soldi ci sono anche i fondi per incrementare di circa 200 euro al mese il reddito dei cassintegrati Fiat e delle aziende dell’indotto auto. Un sostegno che si maturerà partecipando a corsi di orientamento e formazione. La crisi è feroce, ma noi ce la stiamo mettendo tutta». Ferrero a Pomigliano «I milionari non sono pochi, come qualcuno vuol far credere, tant’è che nel 2007-2008, sono raddoppiati». Lo ha detto il segretario nazionale di Rifondazione, Paolo Ferrero, a Pomigliano d’Arco, durante un incontro pubblico sul futuro dello stabilimento Fiat. «Bisogna redistribuire il reddito dall’alto in basso — ha aggiunto — e questo va anche a vantaggio dei ricchi, perchè se gli operai non riescono ad arrivare a fine mese, non possono poi spendere soldi per acquistare auto». Di Pietro con gli operai Oggi pomeriggio (dalle 15) a Napoli, in piazza dei Martiri, manifestazione nazionale organizzata dall’Idv su lavoro e Mezzogiorno. Il presidente del partito, Antonio Di Pietro, incontrerà delegazioni dei lavoratori Atitech, Fiat e Selfin Ibm. L’intervento dal palco è previsto per le 17,30. Con l’ex pm ci saranno anche Paolo Butti, responsabile delle politiche del lavoro di Idv; Sonia Alfano, presidente dell’associazione familiari vittime della mafia; Pino Arlacchi, già vicepresidente dell’Onu, responsabile sicurezza internazionale dell’Idv. «Da Napoli lanciamo un messaggio chiaro e forte sulla crisi economica che investe il nostro Paese, sulla questione morale e sul “poltronismo” politico», spiega il leader regionale Nello Formisano. Nel corso della manifestazione si esibiranno gli artisti Enzo Avitabile e i Bottari; Lino D’Angiò ed Espedito De Marino. Paolo Grassi L’ex pm di Mani Pulite, ora a capo dell’Idv, sarà questo pomeriggio a Napoli per una manifestazione a sostegno del lavoro. Incontrerà gli operai Fiat e Atitech L’Idv in piazza dei Martiri ❜❜ Corrado Gabriele Già a marzo raggiungeremo quota 45 mila «espulsi». Oggi la giunta Bassolino varerà un nuovo pacchetto anti-crisi Manifestazione Oggi Antonio Di Pientro incontra gli operai della Fiat di Pomigliano