Positano Le (dis)cariche Amministrative

0

Positano, Costiera Amalfitana. Effettivamente sorprende l’atteggiamento del Sindaco su una questione tanto delicata quanto importante come quella dello scandalo rifiuti che ha interessato anche il Comune di Positano. Dovere di un amministratore accorto è quello di dare chiarimenti nei limiti delle informazioni in possesso, anziché attaccare, come fatto, nell’intervento pubblicato sul vostro sito il 27 u.s., un rappresentante del gruppo di minoranza che, al contrario, chiede chiarezza. E’ evidente un certo nervosismo per nascondere maldestramente delle responsabilità politiche evidenti.


 


Come gruppo di minoranza avevamo più volte sollecitato l’Amministrazione Comunale ad un controllo puntuale delle attività svolte dal Consorzio di Bacino Salerno/2 e società da questo incaricate, nell’ambito dello svolgimento del servizio, evidenziando a più riprese manchevolezze e scarsa efficienza , con la conseguenza di continue lamentele da parte dei cittadini e degli operatori.


 


A queste sollecitazioni del gruppo di minoranza per il rispetto delle condizioni contrattuali, sia il Sig. Sindaco che l’Assessore delegato, non hanno dato assolutamente riscontro, con un grave atteggiamento politicamente omissivo.


 


Ciò che trapela dalla lettura dei giornali è che gli inquirenti hanno scoperto una truffa aggravata nei confronti della nostra Comunità, la cui entità dovrà essere prontamente accertata affinché possano essere recuperate le somme indebitamente versate e restituite ai contribuenti positanesi.


 


Ma al di là delle responsabilità penali che saranno accertate dagli organi inquirenti, vi è una grave responsabilità politica da parte del Sindaco Marrone e della sua Giunta. Perché non si è controllato, nonostante le insistenze del gruppo di minoranza? Se non fosse stato per gli inquirenti, la truffa a carico dei cittadini di Positano sarebbe durata chi sa quanto ancora.


 


Comincia a palesarsi tutto quanto andiamo dicendo ormai da più di due anni: siamo di fronte ad un’Amministrazione stanca ed assente, consumata da crisi di potere interne, ed incapace perfino di gestire in condizioni di normalità servizi essenziali per la nostra comunità e la sua economia.


Il nostro Paese, in un momento di crisi internazionale così grave, avrebbe invece bisogno di una guida forte ed autorevole.


 


Ed è per questo che abbiamo chiesto la convocazione straordinaria ed urgente del Consiglio Comunale per deliberare la costituzione di una commissione di inchiesta per fare chiarezza ed assicurare la restituzione delle somme indebitamente versate ai nostri concittadini.


 


Da ultimo, sempre per fare chiarezza,va corretto quanto affermato dal Sindaco nel suo intervento, ed in particolare la società incriminata è controllata dal Consorzio Sa/2, che gestisce il servizio dei rifiuti del nostro Comune dal 2005 e che nel periodo dal 2000 al 2004, nonostante le gravi e ripetute crisi che hanno interessato la regione Campania nello smaltimento dei rifiuti, il servizio è stato svolto sempre regolarmente e puntualmente,senza il minimo sospetto, nonostante molte società ed alcuni comuni siano finiti nelle maglie della giustizia.


 


 


 


                                                                                                          Il Consigliere Comunale


                                                                                                          Michele De Lucia