RAVELLO, SECONDO AMALFITANO E LE "DIMISSIONI" IMPROVVISE

0

Ravello in Costiera Amalfitana è in fibrillzione. Almeno lo sono i blog. Dopo l’anticipazione delle dimissioni di Secondo Amafitano da direttore di Villa Rufolo fatte da Il Vescovado, diretto da Emiliano Amato, una bailamme di ipotesi. La principale? Le dimissioni in cambio della gestione dell’auditorium da parte della Fondazione Ravello dopo che Positanonews aveva anticipato l’intenzione dell’amministrazione di voler terminare il lavoro entro l’estate (motivazione precisata con l’intenzione di non perdere i fondi, in buona sostanza, e così rischiare di far rimanere una struttura incompleta a Ravello.. ma intenzione c’è ed è stata confermata). Le dimissioni, pare, ma sono solo voci di corridoio, sarebbero state anche suggerite dal Ministro Renato Brunetta, per il quale Amalfitano è consulente, al fine di rappacificare gli animi e magari trovare altri tipi di accordi convenienti ad entrambi. Quindi ciò parrebbe portare ad una soluzione dei diverbi. Ora Emiliano Amato, che è consigliere comunale di maggioranza, lascia capire che, almeno per quanto riguarda lui, dalle colonne del suo giornale, i rapporti critici con la Fondazione rimarranno. La Giunta Imperato invece non si è espressa ufficialmente, non si sa se si sente soddisfatta da queste dimissioni (richieste in cambio di una figura di direttore generale), ne se e come gestiranno l’auditorium, ma di ufficiale non c’è nulla, neanche le “dimissioni” che, a 24 ore dal “lancio”, non sono state ancora ufficializzate… Lascia perplessi poi la scelta delle dimissioni “improvvise”,queste si potevano ben concordare fra i vertici per trovare una soluzione alla querelle, almeno temporanea ed in vista di una difficile stagione estiva. Silenzio totale da parte della Fondazione di Ravello impegnata alla Bit di Milano..In attesa di eventi viviamo un altro capitolo dell’infinita telenovela dell’Auditorium..sul quale ben si potrebbe scrivere un romanzo. E chi meglio, giustamente, di Ulisse di Palma per farlo?


Michele Cinque