Tramonti, Costiera Amalfitana. Stangate sulla Tarsu (+70%) e sulla mensa

0

TRAMONTI – Aumenti in arrivo per i cittadini di Tramonti. Nell’ultimo consiglio comunale, la maggioranza guidata da Armando Imperato ha stabilito l’inasprimento della TARSU (+70%) e della tassa sul servizio mensa scolastica.


Prosegue la battaglia fra le parti politiche, in uno degli ultimi consigli comunali, prima delle elezioni di giugno. Il principale ordine del giorno è il bilancio del comune, che presenta un deficit di 100 mila euro. L’opposizione insorge quando l’amministrazione annuncia che, per coprire tale perdita, la tassa sullo smaltimento dei rifiuti sarà aumentata del 70%. “E’ vergognoso il disinteresse di questa amministrazione che non ha mai minimamente incentivato i cittadini alla raccolta differenziata – sbotta Mimmo Guida, consigliere di minoranza – non è giusto far pagare alla popolazione il prezzo della propria incompetenza”. Il confronto tocca toni ancor più elevati quando viene bocciato l’emendamento proposto dallo stesso Guida. Secondo quest’ultimo, sarebbe stato possibile coprire le perdite eliminando spese superflue, come l’assunzione provvisoria di uno staff impegnato nel coadiuvare il sindaco nella sua attività.


Muro contro muro anche sull’incremento della tassa del servizio mensa per le scuole dell’infanzia, elementari e medie. “Impossibile evitarlo” sostengono dai banchi della maggioranza, “Semplicemente insensato far gravare una ulteriore spesa sulle famiglie” attaccano dall’opposizione.


Ancora un reciproco scambio di accuse, sull’assegnazione di una serie di lavori pubblici. Il dialogo sembra a questo punto impossibile, soprattutto ora che il mandato di Imperato è quasi giunto al termine. “E’ inutile fregiarsi attraverso manifestazioni sul territorio se poi non si aiutano le fasce più deboli e si perseguono gli interessi di amici e parenti” dichiara a fine seduta Mimmo Guida, già dichiaratosi pronto, attraverso il suo blog, ad assumere la leadership di una lista civica per le prossime elezioni.


Tramonti si prepara a recarsi alle urne con un clima tutt’altro che tranquillo: si attende la presentazione ufficiale delle liste per avere un quadro politico più dettagliato.


Davide Marciano