SORRENTO APPARTAMENTO IN FIAMME, 26ENNE USTIONATA AL VISO

0

Sorrento: Appartamento in fiamme, ustionata grave.


di Vincenzo Maresca.


Sorrento. Ustioni di primo e secondo grado con prognosi di quindici giorni per una 26enne di Sorrento che dopo avere steso la biancheria su una sedia nelle vicinanze di una stufa alogena alimentata da energia elettrica non si accorge che gli indumenti prendono fuoco rischiando di incenerire mezzo appartamento. E’ accaduto ieri intorno a mezzogiorno in uno dei fabbricati che costituiscono il complesso residenziale del “Parco Snicer” di via degli Aranci, sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Sorrento coordinati dal capitano Massimo De Bari che hanno prestato i primi soccorsi, i caschi bianchi della polizia municipale ed i vigili del fuoco del distaccamento di Piano di Sorrento. La dinamica è apparsa subito chiara con i militari dell’Arma che aiutati da alcuni operai che si trovavano nel fabbricato hanno strappato la ragazza alle fiamme rianimandola prima del ricovero presso l’ospedale “Santa Maria della Misericordia” di Sorrento. A lanciare l’allarme sono stati i vicini di casa preoccupati dall’odore acre e dal fumo che fuoriusciva dalle finestre dell’appartamento dove la 26enne si trovava in quel momento da sola. Vani i primi tentativi di entrare in casa da parte degli operai che solo dopo avere pericolosamente scavalcato le ringhiere di divisione dei terrazzi dell’abitazione al quarto piano dell’edificio sono riusciti ad aprire le imposte elettriche della balconata consentendo al fumo di espandersi all’esterno. Le fiamme dopo avere aggredito i tendaggi si erano estese all’interno del salone bruciando sedie, un tavolo ed un paio di credenze, poi il fuoco è stato estinto grazie agli operai che hanno utilizzato una pompa con la quale stavano lavorando nell’appartamento adiacente. Quasi la metà dell’abitazione è stata interessata dall’incendio che ha lasciato tracce di fuliggine su gran parte delle pareti. Ancora sotto shock la 26enne è stata soccorsa dal personale medico giunto sul posto con l’ambulanza, evidenti i segni lasciati sul corpo dal fuoco che ha gravemente ustionato mani, braccia, capelli ed il volto della ragazza mentre è stato necessario tagliare parte dei vestiti che indossava che nel frattempo si erano incollati alla pelle. Nell’intento di liberarsi dalle fiamme la 26enne aveva infatti tentato invano di uscire sul terrazzo ma non era riuscita ad azionare le serrande elettriche rimanendo intrappolata, confusa dalle esalazioni del fumo ed in preda alle fiamme prima di perdere conoscenza. Provvidenziale l’intervento degli operai e dei carabinieri che hanno evitato il peggio. Ricoverata in ospedale è stata trasportata in sala di rianimazione dove i sanitari gli hanno attribuito una prognosi di guarigione di quindici giorni.